L’estate di San Martino

Fuori Collana / San Martino

Oggi (11 novembre) è l’estate di San Martino ma fa un gran freddo lo stesso. L’estate di San Martino è cantata in una poesia abbastanza famosa. Questa.

La nebbia a gl’irti colli

Piovigginando sale,


E sotto il maestrale


Urla e biancheggia il mar;



Ma per le vie del borgo


Dal ribollir de’ tini


Va l’aspro odor de i vini


L’anime a rallegrar.



Gira su’ ceppi accesi


Lo spiedo scoppiettando:


Sta il cacciator fischiando


Su l’uscio a rimirar



Tra le rossastre nubi


Stormi d’uccelli neri,


Com’esuli pensieri,

Nel vespero migrar.

Giosuè Carducci

Jacopo Cirillo

I libri non sono importanti

Nessun commento, per ora

I commenti sono chiusi.