Le Cronache del ghiaccio e del fuoco

Guida al Finzionato giunge al termine, signore e signori. In un batter d'occhio siamo giunti all'ultima partita: quante emozioni, quante passioni. Nei prossimi giorni, a mente fredda, vi racconteremo qualcosa in più di questa splendida stagione 2012-2013 e soprattutto delle grandi novità in arrivo. Ma oggi, con un po' di tristezza nel cuore, vi regaleremo, come di consueto, le pagelle del Finzionato più bello del mondo!

***

Scende in campo la notissima squadra de Le Cronache del Ghiaccio e del Fuoco. Non faremo distinzioni tra un libro una partita e l'altra, visto che la formazione si presenta in continua evoluzione. Ma bando alle ciance, cominciamo:

Cersei Lannister, voto 7. In porta, ché a prender palle pare sia bravissima. Tutta sorrisi e merletti, ma diamine se sa farsi rispettare nel piccolo dell'area di rigore! Non comprendiamo, tuttavia, perché si ostini a chiamarla camera da letto e a giocar mezza nuda, mah! Maliarda.

Jon Snow, voto 9. Un difensore irriducibile, non si allontana mai dalla propria area, pronto a difenderla con la vita dagli attacchi avversari. Lui non saprà niente, ma noi sappiamo bene chi è lui: una barriera.

Robb Stark, voto 6,5. Ha grandi potenzialità ma, vuoi per colpa del Mister che lo lascia esprimere poco, vuoi a causa di una madre un po' troppo invadente (oggi, all'inizio del secondo tempo, la signora ha invaso il campo urlando: «Robb! Robb! 'a maglia di lana, a mammà! Che uinter is caming!») non sempre riesce a dare il meglio. Sprecato.

Joffrey Baratheon, voto 2. Esperienza zero e pochissima umiltà. Difende la sua metà campo commettendo un fallo dietro l'altro e beccandosi una marea di cartellini rossi. Non va d'accordo con nessuno. Arrogante.

Tyrion Lannister, voto 9. Il regista metodico. Con la sua lingua biforcuta fa girar la palla in mezzo al campo come se non ci fosse un domani. La poca altezza (sì ci piace usare eufemismi, qui) gli permette di sfuggire ai marcatori passando tra le loro gambe. Scaltro.

Varys il Ragno, voto 7. Come cantava Ligabue, una vita da mediano. Un lavoro oscuro, quasi non si nota, eppure lui c'è. Ogni trama di gioco reca la sua firma nascosta. Tessitore.

Daenerys Targaryen, voto 8,5. Piccola e minuta, certo, ma ha il fuoco dentro! Corre come su ali di drago e non si fa scrupoli ad usare trucchetti di bassa lega (tipo incendiare la testa ai propri nemici) pur di raggiungere la via del gol. Impavida.

Arya Stark, voto: 8. Anche lei piccina, ma ha coraggio da vendere! Grazie alle sue amicizie tra gli ultras, chiunque le faccia uno sgarro rischia di finire male. Molto male. Pericolosa.

Stannis Baratheon, voto 3. Vuol sempre fare tutto lui e l'unica a cui dà retta è la massaggiatrice della squadra (dicono sia una maga nel suo lavoro). Farnetica sempre di un certo Signore della Luce, indispettendo non poco compagni e Mister. Antipatico.

Brann Stark, voto 7,5. Non si è alzato dalla panchina neppure quando il Mister lo ha chiamato. Svogliato secondo alcuni, in realtà potrebbe giocare in qualsiasi ruolo. Dà il massimo facendosi portare a cavalluccio da un certo Hodor. Mutaforma.

Petyr Baelish (aka Ditocorto), voto 7. Il Luciano Moggi della situazione. Sappiamo solo che nello spogliatoio dell'arbitro c'erano tre donnine nude. E ce le ha messe lui. Baro, ma ci piace.

George Martin, voto 10. Come allenatore ha uno spogliatoio numeroso e molto difficile da gestire, pieno di prime donne che puntano a far valere i propri punti di vista. C'è da dire che finora l'ha gestito con polso fermo, mandando in tribuna (o nel Regno dei Cieli, che dir si voglia) chi non aveva più nulla da dare alla squadra. Illuminato Leader.

Visto l'affollamento dello spogliatoio e le risse continue, ci duole ammettere che si è dovuto tralasciare qualche giocatore più o meno importante. 
A voi, dunque, l'onore di proseguire con il resto delle pagelle di questo squadrone.

Guida al Finzionato, dal canto suo, vi dà appuntamento a… alla prossima stagione! A presto!

 

P.s. ringrazio di cuore Giacomo per la provvidenziale consulenza in materia calcistica (e non solo). E poi sì, perché è bello.

Valentina Simoni

Una laurea in giurisprudenza, ma da grande voglio fare la coccolatrice di akita. Dico cose che non dovrei dire. Scrivo cose che non dovrei scrivere. Leggo cose che non dovrei leggere. Feticista della grammatica italiana e lettrice compulsiva, bookaholic senza speranze, divoratrice di serie tv. Nel tempo libero ascolto musica classica, imparo a suonare chitarra e pianoforte e gioco a riordinare la mia libreria.

Nessun commento, per ora

I commenti sono chiusi.