Il pacco regalo di Finzioni a… Berlusconi

Fredda mattina, nella capitale.

Qualche vecchietta dal passo svelto con la borsa della spesa, un cane del naso congelato trotterellante per la via, la solita confusione dei giorni feriali. I negozi attendono il rush finale dell'ultimo week end di acquisti, le luci appese attendono la sera per prendere di nuovo vita.

A Palazzo Grazioli c'è fermento. Cosa? Hanno appena consegnato un pacco in casa PD? Sicuri? Fonti certe? Si agita il Signor B. chiedendosi cosa contenga, è invidioso il signor B. perché a lui non è arrivato niente, è arrabbiato il Signor B. perché nessuno gli ha fornito maggiori dettagli.

A Palazzo Grazioli non c'è più nessuno, sono tutti corsi a scoprire l'entità del suddetto pacco. Qua dalla redazione di Finzioni ce la ridiamo, mentre Bersani legge, si spera, la sua Fattoria degli Animali, da noi generosamente donato. Rimane solo il Cavaliere, rimbombano i tacchi nel corridoio vuoto. Disperata la truccatrice, tenta invano di fare il suo lavoro, lo insegue con i suoi pennelli e non si da pace.

Qualcuno ha anche provato a chiamare Babbo Natale, povero vecchio non sa niente, ha troppi bambini cui pensare. Bersani e Berlusconi? Mi dispiace, son fuori quota. Allora ci scusi se l'abbiamo disturbata.

Noi ci riuniamo, indecisi sul da farsi. Dobbiamo velocemente trovare un pacco da spedire. Ma cosa regalare?

A Palazzo Grazioli, 1-0 per la truccatrice. Il povero B la lascia fare, buono come un bambino, pensa triste al regalo non ricevuto. Questa mattina è nervosetto, strappa la foto apparsa su una rivista, «ero venuto male».

E noi finalmente abbiamo trovato l'idea; è una favola, Cavaliere, magari le piace. Il ritratto di Dorian Gray è stato spedito, viaggia veloce verso casa PDL. Non è nulla, è una favoletta, magari la distrae; solo la storia di Dorian che voleva rimanere giovane e bello per sempre, ma avrebbe fatto meglio a non distruggere quel ritratto. 

Giulia Gestri

Nomade per caso o per vocazione. Ha libri ovunque nel mondo, ma per mandarla in crisi basta chiederle da dove viene.

1 Commento