L’incredibile e incompleta storia del tatuaggio

 

Caro,
il tatuaggio esiste da cinquemila anni ed è stata una questione molto seria per molti di questi. Con rispetto, la mummia del Similaun non si tatuava certo roselline, delfini o un phon come il mio barbiere: e non perchè in Egitto all'epoca scarseggiassero le roselline, i delfini o i phon, ma proprio perchè… non ci pensava, e poi era già mummia, erano altri a scegliere per lei. In Asia come nell'antica Roma come in Oceania il tatuaggiamento era spesso controverso e causava discussioni: l'abitudine di tatuarsi il nome dell'amato/a partner o gruppo di appartenenza, per dire, cadde in disuso quando ci si rese conto che tra infedeltà, minacce di apocalisse, poligamie varie, harem, pestilenze, migrazioni e cambi di casacca dopo poco era tutto da rifare, e mancava il laser. Procedere all'amputazione di un braccio per far sparire un tatuaggetto anche allora sembrava un po' estremo: insomma, l'impasse. Ecco che per un periodo andò forte il tatuaggio all'hennè, la cui pratica aveva origine nell'alveo della cultura araba, che vietava il tatuaggio permanente. Da lì al trasferello il passo fu veloce. Si scivolò rapidamente verso i tatuaggi privi di senso – motivati da una weltanschauung traballante ed incerta – nella seconda metà del XX secolo, ove tutto diventa più succoso. Anni 50: lavatrice. Anni 60: Ringo Starr. Anni 70: una navicella spaziale. Anni 80: una nave spaziosa. Anni 90: una clip art di Word 6.0, quella del monitor con i fogli. Anni 00: un ipod. Anni 10: Ringo Starr dentro una lavatrice. Sugli scudi il tribale della Hunziker, che ci ricorda che anche noi per qualche ora abbiamo pensato "ma sì un tribale, perchè no". L'incredibile e incompleta storia del tatuaggio, comprensiva di un buono per fare una prova con un piccolo tartarugo del Volga che comunque rimarrà bello indelebile sul vostro sterno forever and ever, è in tutte le edicole edito da Sterline & Copertoni, 4 euri e 90.
Un amico, Lopidone
 
Ora che ci penso Ringo Starr in una lavatrice sarebbe un tatuaggio irresistibile.
1 Commento