Pensare in piccolo – Libri mai scritti

Signore e Signori, oggi inizia “Libri mai scritti”, la rubrica per quelli che hanno un sacco di idee per scrivere il loro prossimo libro, ma trovano molto più divertente guardare un gatto che si gratta la pancia su YouTube.

* * *

Un brillante ingegnere di qualche brillante laboratorio di ricerca ha inventato le buste biodegradabili: uno straordinario prodotto che renderà il nostro futuro migliore da qui a dieci anni. La moglie di quell'ingegnere, dieci anni dopo, ha scoperto che la biodegradazione inizia nell'istante in cui esci dal supermercato, che le buste si crepano a ogni passo e che i passanti fingono di non vederti se la tua spesa settimanale finisce sull'asfalto. E allora capisce che, sì, da lì a dieci anni la sua vita sarà migliore, ma da lì a dieci secondi farà veramente schifo e diventa molto molto importante non morire subito per potersi godere il futuro offerto da queste splendide buste puzzolenti.

Ricapitolando: un ingegnere migliora il mondo, sua moglie piange ogni mese al centro di un incrocio affollato. Una coppia parla incessantemente del giorno in cui si unirà in matrimonio e quel semestre dimentica di fare l'amore. Per insegnare a un neonato a non piangere durante la notte non corriamo in suo aiuto, e lui impara che l'amore non è lo stato naturale delle cose.

Pensare in grande è inutile o dannoso, se dimentichiamo di pensare in piccolo. Pensare in piccolo La vita è una sequenza infinita di dettagli e quelli del presente contano esattamente quanto i successivi.

Ho scritto questo libro perché sono stanco di sognare in grande e calpestare ogni giorno i miei sogni più delicati. Voglio imparare a volare basso, meglio di chiunque altro. Continuiamo pure a mangiare con un piatto e una forchetta e a fregiarci in pubblico delle nostre conoscenze, ma facciamolo godendoci il ciuffo della cameriera o il sorriso di un senzatetto. Saremo esseri umani e scienziati migliori, e quando un giorno moriremo soffocati da un'ondata inaspettata di buste di plastica potremo dire che, diamine, stiamo morendo, ma almeno lo stiamo facendo solo dopo aver vissuto. In piccolo.

Leonardo De Luca

Che poi sono quello che scrive su librimaiscritti.it e lifehacks.it e non c'è molto altro da dire se non che a volte la vita mi sembra molto lunga e a volte troppo corta, così ho deciso che le dimensioni non contano e quello che conta è scrivere un profilo che ti faccia amare dalla gente. Ma non so fare nemmanco quello.

1 Commento