Il patetico mercante

(photo credit: http://www.flickr.com/photos/artenzie/3944980362/sizes/m/in/photostream/)

Pazienza per l’odore dei treni. 10 episodi di nessuna importanza / Il patetico mercante

Ascoltalo in streaming

Io conosco Peter.
Il patetico mercante che tutti chiamano Peter, sì.
Lui e le sue fauci schierate,
gonfiore inesausto di sconti,
offerte, mozzarelle, detersivi, sottaceti, frollini.
Peter mellifluo percorre il mio palato, sordo e lento,
boccone che non scende.
Ogni pezzo del mio corpo
è impegnato a masticarlo.
È una regressione mandibolare, un governo di rot wailer,
il moto pagante e perpetuo, riflesso in un deserto di scontrini.
Non c’è sangue
senza stick emostatico.
Non c’è dente
senza microcristalli pulenti.
Io conosco Peter e Peter
Conosce gli accessi al profondo.
Vite libere passano attorno
come si sfila un bottone,
come si arenano i sogni.
Il patetico mercante ha spalle comprensive, gesti ecumenici,
un’intera mimica pronta ad assolverci dai peccati.
Peter. Quando morirà, starò ancora masticando.
E dire che c’è tecnica nella mia bravura,
c’è un ritmo apprezzabile,
e dire che mordo, mordo ma senza rimorsi,
aggiornato sulle novità,
veloce,
puntuale,
con tante monetine che a tante cassiere fanno tanto tanto piacere.
E tu che fai? Tu, tu che guardi le foto,
e ci vedi città, storie, idee, vite mischiate ad altre vite,
tu che fai senza scaffali e senza tetrapak?
A quale parte di me stai parlando?
A quale pezzo?
Tu che fai quando Peter sguaina la serranda?
Io mastico e ti vedo guardare.
Non sembri avere fretta.
Io mastico e ti vedo diafana, intermittente, al di là di pareti
cresciute a caso.

Mangio merda,
ma va tutto bene.

Edoardo Lucatti

Myspace Fersina Zoo

Contatti per performance live: edo_luc@yahoo.it

1 Commento