Il technicolor lisergico di Jesse Jacobs

Eris Edizioni, casa editrice con base a Torino, si è fatta carico negli anni di una politica editoriale che prevedeva – e che continua a mantenere ancora oggi – un recupero dei nomi internazionali che ai più suonavano sconosciuti; specialmente quelli appartenenti al circuito indipendente e a tutta la scena underground nord-americana (ma non solo).
Nicolas De Crécy è stato il caso che ha lanciato il nome degli editori torinesi su tutte le riviste specializzate di fumetto, grazie al suo capolavoro Il Celestiale Bibendum. Un’opera dalle forti tinte grottesche con protagonista una foca immersa in una metropoli industriale, che vira anche verso momenti in cui si affaccia la componente poetica e sognante tipica dell’autore transalpino.

Alla domanda, “quali sono gli autori di punta in casa Eris Edizioni?”, viene fuori in automatico anche il nome di Jesse Jacobs.
L’autore canadese fa il suo debutto in Italia con Safari Honeymoon, una scommessa di casa Eris edizioni che si rivela essere subito vincente. Una palese e definitiva dichiarazione d’intenti, quella degli editori torinesi, sulla ricerca delle voci del fumetto underground mondiale.


La storia ha come protagonista una coppia in viaggio di nozze che decide di trascorrere il momento idilliaco con una battuta di caccia che si svolgerà in una macchia verde, ma non si tratta di una qualunque, rassicurante e colma della solita bellezza paesaggistica che potremmo vedere nelle brochure delle agenzie di viaggi; perché non sanno che ben presto dovranno misurarsi con una vera e propria entità che governa questa vegetazione.
A seguire la coppia è la guida del posto che, tra gli insetti dalle forme più disparate e mostriciattoli vari, farà loro strada in una specie di polmone verde della terra, in un “green inferno” vero e proprio.
Sarà sempre più difficile compiere i gesti quotidiani più semplici come mangiare, bere e dormire: i due sposini non avranno vita facile. Sarà un continuo guardarsi le spalle, un fuggi fuggi da situazioni incresciose e parassiti che provano a infilarsi ovunque per prendere possesso di un corpo umano.

Le associazioni mentali prestabilite sono inadeguate. I vostri pensieri non sono altro che nuvole che attraversano un infinito cielo blu

Da qui abbiamo imparato a conoscere l’arte di Jacobs, già in grado di raccontare con ironia un survival che può ricordare il Jurassic Park di Spielberg e i body horror di David Cronenberg.
La storia non perde mai lo smalto e ne guadagna soltanto in tensione e in dialoghi.
Il canadese monta, smonta e rimonta la gabbia, a volte a pagina intera, tante altre invece con nove e più vignette, per aumentare il ritmo del racconto, osando anche dilatare le fughe e i dialoghi in un vortice tutto psichedelico. Un marchio di fabbrica che va a imprimersi presto e sempre più nelle future opere di Jacobs.

Safari Honeymoon è il dualismo uomo-natura che vede il primo essere governato dall’ultima e non il contrario a suo malgrado. Una riflessione sullo stato della natura sempre e comunque soppressa dall’uomo. Sul finale non manca una rilettura del Libro della Genesi (riuscita a differenza del film Madre! di Aronofsky) tutta particolare: i due sposi si troveranno nella biblica condizione che toccò ad Adamo ed Eva, sperduti in uno sinistro giardino dell’Eden popolato da mostri quasi lovecraftiani.

L’ispirazione darà lo spunto alla prossima opera: E così conoscerai l’universo e gli dei.
Il libro è una libera rivisitazione del mito della creazione adamitica più sviluppata e con esseri iridescenti (celesti) e super intelligenti dalle sembianze aliene (che sia un chiaro riferimento al Doc Manhattan?). Questi sono alle prese con la composizione molecolare di uomini, mostri, animali e di tutta quanta la sfera naturale. Le tre entità superiori giocano (letteralmente) a fare dio: basta un po’ di silicio e già si pensa a costruire, da architetti celestiali, universi, mondi e i loro abitanti; gli ani-mali e gli u-mani. Riusciranno a convivere pacificamente dopo qualche giorno? La risposta sarà delle più brutali e pure abbastanza scontata.
I toni della commedia sfiorano quelli del collettivo britannico dei Monty Python, a volte sottili ed esistenziali, tante altre raggiungendo la vetta più intelligente e cinica della loro espressione.

La brutalità delle scene viene accennata nella prima metà del libro, mentre irrompe nella seconda per poi stravolgere tutta quanta la fabula.
E così conoscerai l’universo e gli dei racconta a suo modo la creazione, con mondi che si incastrano a mo’ di tetris, e in questi ne rivelano altri, in un meccanismo a matrioska.
Ed è talmente assurdo il modus operandi del canadese da osare anche con il senso di lettura da destra verso sinistra nella stessa pagina.
Non manca un’altra lettura del Libro della Genesi, che stavolta riguarda da vicino l’episodio di Caino e Abele.
Spietati, dolci, impavidi sono le figure che animano la realtà viola-celeste di Jacobs.
Una realtà alterata e allucinata spesso reiterata, proprio come nell’opera uscita quest’anno: Crawl Space.

Daisy ha appena traslocato. La città di provincia in cui vive è cupa, grigia come i colori utilizzati dall’autore.
La ragazzina fa subito amicizia con Jeanne-Claude, alla quale confida subito un gran segreto: la lavatrice – che si trova in cantina – conduce in un mondo fatto di colori psichedelici, quasi accecanti e tridimensionali. Una realtà lisergica abitata (anche qui) da esseri freak, geometrici, astratti e da teiere sorridenti.
Daisy mostra una cura e un rispetto per il mondo e per tutte le forme di vita che lo popolano, e Jeanne-Claude rimane affascinata da tutto questo. L’ospite ha solo l’obbligo (e la promessa) di non farne parola con nessuno a scuola, specie con le compagne arpie che spesso e volentieri parlano male di loro alle spalle. Troppo tardi, perché Jeanne-Claude condividerà l’assurda esperienza vissuta nella lavatrice con tutte le compagne, e in poco tempo invaderanno in massa la casa di Daisy per provare anche loro il manto psichedelico che avvolge l’universo contenuto nell’elettrodomestico.
Crawl Space promette, già dalla copertina, una vera e propria esperienza sensoriale, la stessa che passeranno Daisy, l’amica Jeanne-Claude e compagne. Un salto nel vuoto siderale che si rivela invece un tripudio di colori e di geometrie, altro landmark ricorrente della cifra stilistica di Jacobs, che vede la reiterazione delle forme nella loro precisione.
Altra novità è il senso di profondità delle tavole, nato proprio per far immergere protagoniste, comprimarie e lettore in un territorio visivo che è il più valido del canadese.
Nell’esecuzione pittorica si porta a casa il suo capolavoro, perché funzionale alla narrazione.

Simone Tribuzio

Ufficio stampa e social media manager dal 2015 al 2017, ora in cerca di editore. Fondatore del blog letterario Ju Caffè e della webzine musicale In Synthesi, scrive di fumetto per Impero Disney e per Finzioni Magazine. Dal 2018 collabora con Lo Spazio Bianco e con la rivista Il Mucchio Selvaggio. Sempre nel 2018 scrive da giornalista freelance per Esquire Italia e da collaboratore per la rivista letteraria minima&moralia.

Nessun commento, per ora

I commenti sono chiusi.