Il viaggio dimagrante di Rosanna Lambertucci

Punizioni! / Il viaggio dimagrante di Rosanna Lambertucci

Inaugurando Punizioni, Matteo Bettoli racconta dell’amico che giustifica la frequentazione di ragazze brutte con argomentazioni empiriche e freudiane, laddove si pone una contrapposizione tra il principio di piacere e quello di realtà, ovvero “ci vado con una brutta o no? Se ci vado, dopo mi piaceranno di più le belle”. Vi possono essere anche altre argomentazioni per frequentare ragazze brutte, laddove la percezione della bruttezza del partner é percepita dallo stesso amante piuttosto che dagli amici, per i quali, si sa, le ragazze più belle sono sempre le proprie, a discapito del detto secondo il quale l’erba del vicino é sempre più verde. Questo si traduce nella seconda argomentazione, secondo la quale il partner “però è bello dentro”. Tutto questo per dire che ho letto un libro bello dentro per essere belli fuori: Il viaggio dimagrante di Rosanna Lambertucci (Mondadori, 174 pp. 17 euro).

Il libro di Rosanna Lambertucci é un manuale sull’alimentazione, con la descrizione accurata di un «nuovo metodo per perdere peso in 6 settimane + 1», e diverse parti autobiografiche per rendere più umano il percorso di dimagrimento permettendo al lettore, nel contempo, di conoscere l’autrice. Tutto inizia proprio con un amarcord dell’autrice, che ripercorre gli anni dell’infanzia a scuola, i momenti dolorosi della propria vita, la sua crescita personale e professionale.

Nella parte successiva del libro é esposto in forma di diario cosa mangiare, come mangiarlo, e quando mangiarlo nelle sette settimane a seguire. Infine, in un tripudio di verdure, frutta, pesce e carni magre, sono descritte tutte le ricette. Il viaggio dimagrante si conclude con una riflessione dell’autrice sul rapporto tra bellezza interiore ed esteriore e su come non si possa ricercare l’una escludendo l’altra. Quando tutto sembra pronto per una scontata citazione del tipo “mens sana in corpore sano”, sbuca invece a sorpresa che «l’essenziale é invisibile agli occhi» innovativa ed inconsueta citazione da Il Piccolo Principe.

«Dimagrire é un po’ come fare un viaggio» e sulla base di questa filosofia si articola il manuale-diario autobiografico. Un viaggio in tempo per la prova costume per chiunque abbia acquistato il libro prima dell’arrivo dell’estate. Per tutti gli altri, in tempo per tornare sulla strada del benessere psicofisico, dimagriti e felici. Non nascondo però che un pensiero cinico ha velato al termine della lettura i miei buoni propositi di dimagrimento. In termini di viaggi dimagranti, chi di voi ha letto Sopravvissuti?

Alessandro Pollini

 

Jacopo Cirillo

I libri non sono importanti

Nessun commento, per ora

I commenti sono chiusi.