Single

Viaggi / Single

Blaise Cendrars in viaggio sulla Transiberiana incontra la piccola Jeanne de France. Prima vi vede nel fondo degli occhi un giglio d’argento, il fiore del poeta, poi si divertono a fare l’amore. Lei é insicura e lui irritato le ricorda le anche appuntite ed il ventre infetto, quindi impietositosi dinnanzi alla sofferenza di entrambi si perde in fantasie su viaggi alle Figi ed in Messico. Entrambi sanno che non avverrà mai, che prenderanno strade diverse appena giunti al capolinea. É bello comunque sognare, piccoli ed indifesi in un treno disperato dove girano fame, stanchezza, malattie, armi e prostitute, oltre, ovviamente, ai sogni di due ragazzi.

Tullio Hermil é invece sposato. Tradisce ripetutamente una moglie che inconsolabile cade a sua volta tra le braccia di un altro uomo. Si riavvicinano. Alla fine del romanzo viene compiuto un infanticidio. Gabriele d’Annunzio. abusando dell’aggettivo eburneo nelle descrizioni della molle donna, rimanda il pensiero alla condizione di single descrivendo la realtà di un matrimonio terribile nella apparente normalità esteriore. L’innocente bambino muore in seguito all’esposizione ai rigori dell’inverno. É andata meglio rispetto alla morte, nel romanzo di Vasco Pratolini, a Bob, il single bello ed affascinante che somiglia al famoso attore del cinema. Tuttavia, pur non essendo stato surgelato, non lo invidio. Viene aggredito da un gregge di donne offese ed isteriche e deriso per le dimensioni del proprio pene dall’unica che ha sufficiente esperienza in materia da poter effettuare un confronto. Come però talvolta accade in amore, si fidanzerà, privato del proprio onore per tutta Sanfrediano, proprio con lei.

Storie che cominciano, storie che finiscono. Leonardo Manera sottolinea come la vita dei single comporti un aumento del consumo di scatolette di tonno in tutte le sue varianti. Riflettevo oggi andando al lavoro su come l’essere single riduca in effetti la frequentazione di ristoranti. Berarda del Vecchio fa ruotare l’essere single attorno alla parola non, evidenziando come il pensiero comune voglia che se non hai visto un film, se non ti curi, se non fai sesso, se non hai programmi tutto sia riconducibile alla semplice evidenza che non hai un partner. Aldo Busi prova per tutto un romanzo a togliere il velo del non dalla signora Gentilin, e tuttavia non ci riesce. Lei é ancora dietro al banco della cartoleria con il grembiule nero che sembra indossare, anche dopo averla conosciuta, solo perché non ha un uomo.

Romanzo e realtà si intrecciano. Mi immagino a bere americani o mojito al Bodeguilla o all’Approdo con Florentino Ariza parlando di quale stronza sia stata Fermina Daza, e di quale idiota sia stato lui, di quanto tempo abbia perduto, di quale follia abbia vissuto, di quale genio lo abbia messo in piedi in bilico tra le pagine di un libro e la mia sveglia che suona immancabilmente alle sette e trentatrè ogni mattina. Già immagino le sue risposte e le mie argomentazioni quando, sostituendomi a Gabriel Garcia Marquez, neanche fossi Blaise Cendrars, gli faccio notare che superato il lutto della fine di una lunga storia d’amore, si possono fare incontri ferroviari interessanti in Francia, che migliorano la pronuncia inglese e portano a sconsacrare chiese in Spagna. Ma questa storia ancora la cerco scritta tra le pagine dei libri che non ho letto.

Manlio Sgalambro in un testo sulla società che mi diverte leggere in chiave sentimentale e relazionale, ci rimanda che l’uomo può vivere solo in società ma viene preso in considerazione in quanto tale solo nel momento in cui se ne allontana, lottando contro la natura. Torno ad immaginarmi seduto all’Approdo con Florentino Ariza a bere questa volta una semplice birra chiara, ognuno ripensando alla propria Fermina Daza. Mi chiedo se, decontestualizzando un passaggio del filosofo siciliano, si addica a questa nuova situazione affermare che «la mia indifferenza per l’altro é il maggiore sforzo che io possa fare per lui».

Alessandro Pollini

 

Jacopo Cirillo

I libri non sono importanti

Nessun commento, per ora

I commenti sono chiusi.