Sposerò Yasmina Reza

Caro il mio Didier Martiny, che est un réalisateur de cinéma et de télévision et un scénariste de bande dessinée, mi spiace per lei ma quest'anno, la sua bellissima mogliettina si innamorerà perdutamente di me e vivremo la più conturbante, emozionante, entusiasmante, splendante, soddisfaciante storia d'amore di tutti i tempi, tanto da far morir d'invidia Paolo e Francesca, Romeo e Giulietta e Luca e Paolo.

Io, caro il mio Didier, réalisateur de cinéma, non ho niente contro di lei, anzi, quando avrò un figlio lo chiamerò proprio réalisateur de cinéma (RéalisateurDeCinéma Tamburén: suona benissimo), ma devo impedire che la sua (tra un po' mia) Yasmina continui a scrivere libri così infelici e cinici e negativi e pessimisti sull'amour.

Perché dopo il gioiello – Carnage, il dio del massacro – eccoci di nuovo:

Felici i felici, Yasmina Reza, 152 pg – 3 ore e 20 minuti

Il libro comincia con una citazione incoraggiante del nostro Borges:

Felici gli amanti e coloro che possono fare a meno dell'amore

e poi si procede con storie e microstorie di persone sole – sole in mezzo agli altri. Personaggi grotteschi, a volte patetici, tristi, rassegnati da una esistenza in cui la ricerca della felicità e dell'altro è impervia e impossibile.

Un libro triste, ma bellissimo e di una solitudine così sconfortante che ti ci specchi dentro.

Felici i feliciEpperò, mia deliziosa Yasmina Reza, io dico anche che il prossimo libro che scriverai dovrà assomigliare a quelli di Sveva Casati Modignani, con titoli come – Lezione di tango a Milano, Disperatamennte Giulia, Un amore di marito.

Ecco, mon chéry Yasmina: io e te saremo gli Sveva Casati Modignani di Francia, che come tutti sanno, in realtà Sveva Casati era uno pseudonimo sotto il quale si celava Bice Cairati e il suo devoto marito Nullo Cantaroni (Nullo!?!). Io e te, marito e moglie: io ti porterò in gondola sulla Senna e ti sussurrerò parole d'amore e tu troverai l'ispirazione per scrivere romanzi d'amore e di felicità infinita.

Evviva l'amour, evviva io e Yasmina, evviva i romanzi d'amore eterno, evviva finzioni, evviva tutti voi. 

Ah, l'amour, l'amour, l'amour.

 

 

Federico Tamburini

Qualche giorno fa al supermarket Eurospin non ha comprato una confezione di filetto di merluzzo surgelato perché costava 6 euri e 50 e ha optato per una scatola di ceci. In quel momento ha capito molte più cose della sua vita di quanto mai fosse riuscito a fare prima. Per il resto, non avendo mai tempo, legge libri che richiedono sforzi anaerobici.

Nessun commento, per ora

I commenti sono chiusi.