Autori Vari | Le Cose Cambiano

Di come Le Cose Cambiano sia nato, a partire dalla versione italiana del progetto It Gets Better di Dan Savage e Terry Miller, ha già parlato Andrea Camillo qui. Le storie riportate nel libro sono in parte traduzioni dalla pubblicazione originale americana e in parte storie made in Italy, raccolte dopo il lancio del progetto nel nostro paese.

Io, dopo averne orgogliosamente acquistato una copia insieme al Corriere della Sera, nel giorno della sua uscita, il 3 ottobre (ricordiamo che il progetto è stato promosso in Italia, grazie anche partnership con il blog La Ventisettesima Ora del Corriere), e dopo un'attenta lettura, vi posso dire perché questo libro é:

le cose cambiano copertina piatta Viola: Il viola è il colore della bandiera arcobaleno che rappresenta lo spirito, e dal 2010 è il colore che, simbolicamente, coloro che aderiscono allo Spirit Day indossano il 17 Ottobre per ricordare le vittime del bullismo omofobo. L'iniziativa nacque grazie all'idea della teenager Brittany McMillan, in seguito agli stessi suicidi di giovani omosessuali che, nell'autunno 2010 spinsero Dan e Terry a dar vita al progetto It Gets Better.

Coraggioso ed incoraggiante: Coraggiosi sono i protagonisti che in questo libro si raccontano, soprattutto quelli che mettono nero su bianco ricordi dolorosi legati alla loro adolescenza. Ad esempio, lo scrittore Walter Siti racconta di quando suo padre gli fece trovare sul comodino «un libro in cui si bollavano con parole di infamia gli uranisti e i pederasti», mentre il social writer Marcello Signore parla di quando il suo professore di educazione tecnica lo apostrofò con uno «Stai zitto, non fare il ricchione». Incoraggiante è però la morale comune di tutte queste storie, il loro vero scopo: far capire ai destinatari primari del libro (e del progetto nella sua interezza), gli adolescenti LGBT potenzialmente vittime di bullismo omofobo, o anche solo di un sentimento interiore di inadeguatezza, depressione e paura, che con il tempo le cose migliorano. Il percorso procede per tappe: si passa solitamente attraverso l'accettazione di sé («Non diventate il vostro bullo interiore», dice la giornalista Jessica Leshnoff), ed il manifestarsi dei primi amori, fino ad arrivare ad un dialogo aperto coi genitori ed alla creazione di una propria famiglia.

Umano: In questo libro non c'è fiction, ognuno parla delle proprie esperienze e dei propri passi verso la conquista di quella «vita normale» che, per un adolescente LGBT vittima di bullismo, incertezze e paura della propria diversità, sembra una chimera. Sono i piccoli dettagli del quotidiano che rendono umane queste narrazioni. Come i pensierini per entrambe le mamme che le maestre del nido fanno preparare il giorno della Festa della mamma alle figlie di Francesca Vecchioni (attivista, consulente e giornalista), o i commenti sulle ragazze che Michael Cunningham (scrittore, autore di The Hours e numerosi altri romanzi) faceva per fingersi eterosessuale con gli amici a scuola.

Necessario: Per citare solo l'ultimo caso, un ventunenne omosessuale si è tolto la vita la settimana scorsa a Roma, lasciando questo messaggio, più esplicito di qualsiasi considerazione:

Sono gay. L'Italia è un pease libero ma esiste l'omofobia e chi ha questi atteggiamenti deve fare i conti con la propria coscienza.

 

Isbn Edizioni, nella prefazione di Le Cose Cambiano, si esprime così:

Questo libro, – insieme al sito lecosecambiano.org – è il nostro piccolo contributo affinché l'inconscio della società si trasformi e l'immaginario LGBT si evolva. Paradossalmente, questo libro è il nostro contributo affinché questo libro tra qualche anno non serva più.

Iniziare a fare qualcosa, è questo il punto. Diversi dei protagonisti che incontriamo leggendo questo libro, hanno dato vita a siti, blog, progetti, comunità di supporto che hanno come scopo l'aggregazione, il sostegno, la battaglia per l'ottenimento di diritti che sono dati per scontati dagli eterosessuali ma che non sempre sono concessi ai loro concittadini LGBT.

Le Cose Cambiano come movimento è nato per dare un via concreto al cambiamento, e come libro andrebbe letto per tanti motivi: informarsi, informare, sensibilizzare. Sentirsi meno soli, far sentire meno soli. Capire e far capire che cambiare le cose è possibile. Anche in Italia.

Il ricavato della vendita del libro è devoluto all'associazione no-profit Girls and Boys, promotrice del progetto Le Cose Cambiano

La mia copia del libro potete vederla qui, insieme a quella di molti altri lettori e sostenitori del progetto.

Autori Vari, Le Cose Cambiano, ISBN Edizioni 2013. 

Elena Chiara Mitrani

Colleziono macchine da scrivere. Amo Parigi, i libri e il calcio. Scrivo di libri, viaggi ed esseri umani.

2 Commenti