Luca Enoch e Andrea Accardi | Hit Moll

Benvenuti a "Brioches", la rubrica di quelli che oltre ai classivi e ai saggi da nerd, vanno anche in libreria per leggere i libri appena sfornati.

Diciamo così: alta, magra, figa spaziale, pelle scura e incazzata a morte. Se in Kill Bill c'era la sposina in cerca di vendetta, in Hit Moll c'è Corinna, la taglia gole sin dalla tenera età che sa bene cosa va cercando. All'apparenza indifesa in realtà un(a) killer che mette tutti a posto. Parliamo di potenti, gente criminosamente altolocata e dotata. Ma il punto debole si trova in tutti e le scelte in questione sono interessanti… Comunque, la nostra è un'eroina insoddisfatta, con un bagaglio di ingiustizie piuttosto losco e pesante, che si batte per se stessa e il padre putativo, un mafioso cui la di lei madre concedeva le grazie in cambio di denaro, ora reduce da un ictus. Il resto non ve lo racconto ma sappiate che tutto quello che ho scritto è vero solo fino a un certo punto, dopo è tutto diverso, cioè è vero lo stesso però poi si ribaltano un po' le cose.

Graphic novel dai toni cruenti, con ruoli precisi a volte spremuti al limite. Donna contro uomo e tutto l'asse di prestanza fisica che ne consegue, uomini di potere con recondite manie sessuali, donne oggetto svestite e assoluta impossibilitá di fidarsi di chiunque. E lei che immancabilmente colpisce senza pietà, dallo sgozzamento al colpo in testa fino all'elaboratissimo pompino con rasoio (non fate quelle smorfie addolorate, nella vita vera mica succede).

In fondo al volume un inedito Non è un lavoro per donne, dopo aver letto Hit Moll secondo me avrete già un'idea di cosa vi aspetta. Spoiler: una roba di colloqui di lavoro dove una si presenta e naturalmente non ce la vogliono perché donna ma siccome lei non la prende bene succede uno spicinio.

Che farci, le incazzate sociali hanno il temperamento sensibile. Se solo fosse possibile nella vita di tutti i giorni una bella sindrome da Nikita, che spasso sarebbe… Sono le storie noir, difficilmente ci si trova uno straccio dibrava persona O di sentimentalismo o di speranza e quando c'è resta insoddisfatta. Non rimane che leggere la fine e illudersi che da quel momento in poi sará tutta redenzione.

Licia Ambu

Hit Moll di Luca Enoch e Andrea Accardi, Bd edizioni, 2011

Licia Ambu

Pensa che avere una sola personalità sia uno spreco di spazio. In fase di definizione a ciclo continuo, ama in ordine sparso nonché intercambiabile un sacco di cose.

Nessun commento, per ora

I commenti sono chiusi.