Libri scritti male

mingus

Diagonali / Libri scritti male

Non è sempre detto che un libro scritto male sia brutto (a parte la solitudine dei numeri primi, s’intende). Spesso il cattivo stile o la macchinosità del discorso non sporcano le belle idee o comunque malcelano uno straripante talento in un’altra arte. Per esempio “Peggio di un bastardo” di Charles Mingus è scritto proprio male. E’ confuso. E’ inconcludente. Però, nel degrado di questa scrittura si vede chiaramente che quelle mani non sono state fatte per tenere una penna ma per pizzicare delle corde.

Epperò Andy Warhol no. La sua “Filosofia” è scritta male ed è brutta, nonostante l’argomento sia molto interessante (la N.Y. della Factory e dello Studio 54). Ho saltato più pagine di quelle che ho letto e questa mi sembra un’ottima unità di misura.

C’è una frase, però, che vale il prezzo del libro. Una frase che, ominosamente, sembra riferirsi ai futuri lettori:
– Che sta succedendo, si è messo a piovere?
– No, credo che ci stiano sputando.

Andy Warhol – Filosofia di Andy Warhol, Bompiani
Charles Mingus – Peggio di un bastardo, Baldini Castoldi Dalai

Jacopo Cirillo

Jacopo Cirillo

I libri non sono importanti

Nessun commento, per ora

I commenti sono chiusi.