Moccia e il porta ombrelli

Sarà capitato a tutti voi l'ignobile esperienza di un porta ombrelli che si credeva un porta ombrelli ma tutti lo trattavano come bidone della spazzatura e lo riempivano di carte. Il porta ombrelli in tutta la sua dignità ha perfettamente ragione del suo essere, ma gli avventori con prepotenza hanno la meglio. E non c'è peggior sordo di chi non vuol sentire. Così l'oggetto incriminato rimane nel limbo della doppia identità magari con su un cartello che recita non sono spazzatura. Succede anche agli autori di certi libri secondo me.

Un piccolo preambolo, prima che qualcuno si ribelli metto le mani avanti, si parla di Moccia ma sopra le parti, in modo neutrale, davvero lo giuro. Non vi arrabbiate.

La cosa è che Moccia è divenuto noto ai più per un determinato tipo di romanzi, indicati per i romantici, ancorché giovanissimi. Ma l'adesso di un po' di tempo fa è uscito con un nuovo titolo per Rizzoli, L'uomo che non voleva amare. Step e l'altra sono stati debellati per una concertista e siamo dunque diventati maturi. Insomma, si tratterebbe (condizionale, poiché ancora astenuta da cotanta gioia) di un romanzo vero e proprio. Il fattore inquietante è che chi lo leggeva prima, per la congettura particolare del “mi aspetto da lui quella roba lì”  forse non l'ha apprezzato allo stesso modo, e chi non lo leggeva prima, senza prova provata del cambiamento (è un paradosso me ne rendo conto), è rimasto ancorato all'idea precedente.

Lui è in cima alle classifiche, (ma io avevo un amico in cima alle classifiche di Itunes perché aveva tanti amici che lo votavano sulla fiducia, sia detto) e io non ho ancora capito se preferisce raccogliere ombrelli o cartacce. O nessuna delle due. O peggio entrambe.

Un ps per Moccia, semmai dovesse capitare su Finzioni: Tancredi!?!?!

Licia Ambu

Licia Ambu

Pensa che avere una sola personalità sia uno spreco di spazio. In fase di definizione a ciclo continuo, ama in ordine sparso nonché intercambiabile un sacco di cose.

Nessun commento, per ora

I commenti sono chiusi.