Senofane e il dio dei Pooh

queloDiagonali / Senofane e il dio dei Pooh

Secondo Senofane le divinità assumono la forma dei propri fedeli, o meglio, i fedeli rappresentano le divinità a propria immagine e somiglianza.

"I mortali si immaginano che gli dei sian nati e che abbian vesti, voce e figura come loro.
Ma se i bovi e i cavalli e i leoni avessero le mani, o potessero disegnare con le mani, e far opere come quelle degli uomini, simili ai cavalli il cavallo raffigurerebbe gli dei, e simili ai bovi il bove, e farebbero loro dei corpi come quelli che ha ciascuno di loro."

In Trino Altan vuole che Dio nel creare gli animali ne assuma le sembianze così che possano essere a sua immagine e somiglianza. Per questo si presenta con le orecchie lunghe e a punta nel momento in cui crea il coniglio.

Se il dio dei cavalli è un dio cavallo ed il dio dei panda è un dio panda, mi turba pensare al dio dei Pooh, che deve avere le sembianze di Roby Facchinetti, ed ancora più alla sua incarnazione in uomo, nella figura dogmatica di una Trinità che lo vuole contemporaneamente Padre, Figlio e Spirito Santo: DJ Francesco.

Alessandro Pollini

Alessandro Pollini

Alessandro Pollini vive con il cane Plauto. Legge, ascolta, beve. Poi scrive (cose) ed evita (gente). Preferisce il cane alle relazioni d'amore e le relazioni d'amore a tutto il resto.

Nessun commento, per ora

I commenti sono chiusi.