Libri B, Libri Z, Libri A bis

Allora, io questo fatto dei libri cretini proprio non riesco a capirlo. Ma niente! Cioè, libri sono libri, con una loro utilità, un lavoro di redazione e scrittura e un pubblico. Il fatto è che proprio viene inevitabile il paragone!(?). Insomma, la solita signora K. o, sempre a caso, il solito signor M., scrivono libri super letti ma, al di fuori degli affezionati, chi non li considera in qualche modo di serie B, o Z o A bis (dettagli comunque)..? Non sono anche questi parte della letteratura? Che cosa diavolo sono? Perchè poi se tu lo dici allora sembri snob e insomma per quanta puzza tu abbia sotto il naso sfido chiunque a mettere sullo stesso piano Steel e Ammaniti (Io e te, Einaudi 2010, 10 euro).

E sì, lo so, c'è un errore di fondo gravissimo: parliamo di generi diversi in effetti. E qui tutto vogliamo tranne scomodare la diatriba sui generi che è un altro polverone che mica ne usciamo più, però mica uno che vuol fare il figo intellettuale rimorchia proclamando le migliori pagine di Liala… Ma restiamo sul pezzo va. Dicevamo, mi spiegate il fatto? Io lo so che proprio sto di fronte a una banalità, che di certo Signore come la Critica, la Sociologia e altre desinenze ci avranno già pensato, solo non riuscendo a mettere ordine nella mia testa non mi trovo.

Cioè dire che Moccia (Ho voglia di te, Feltrinelli 2008, 9 euro) fa roba schifosa è sbagliato, dire che fa roba giusta è sbagliato uguale, ho capito bene? Allora cosa fa di un libro un libro vero? Simenon per esempio con Maigret (Maigret e l'uomo solitario, Adelphi 2011, 10 euro)  che cavolo per me è proprio figo e per niente cretino, sarà alta o bassa letteratura? Entrambe? Nessuna? E' un giallo e, in quanto tale, si classifica insieme a Larsson per dire, quindi? Insomma conta come vengono scritti? Da chi? Se chi li scrive spazia a tal punto da accreditarsi anche in un ambito più, come dire, elitario/culturale e meno commerciale? Harry Potter non lo tiriamo in ballo, ma tipo Il piccolo principe, con la sua aura di santità, allora dove lo mettiamo? Non è che come al solito alla fine tocca a noi lettori decidere chi è cosa…? Ai posteri l'ardua sentenza.

Licia Ambu

Pensa che avere una sola personalità sia uno spreco di spazio. In fase di definizione a ciclo continuo, ama in ordine sparso nonché intercambiabile un sacco di cose.

Nessun commento, per ora

I commenti sono chiusi.