Gianluca Morozzi | L’età dell’oro. La mia vita raccontata a Paz

Quali sono i romanzi finalisti alla Coppa dei lettori? Perché ci sono piaciuti? Chi li ha scritti? 
Approfittiamo di questi giorni prima delle votazioni finali per rinfrescarci la memoria, rispondendo a questi ed altri interrogativi con una serie di contenuti speciali dedicati ai cinque finalisti della Coppa dei lettori! 

***

 

Gianluca Morozzi, bolognese, classe 1971, si mostra in primissimo piano in copertina, il viso dipinto coi colori della sua squadra del cuore, il Bologna FC: L'età dell'oro. La mia vita raccontata a Paz, altro non è che la sua autobiografia raccontata al fantasma del suo idolo di gioventù, il fumettista Andrea Pazienza.

Non manca l'ironia a Morozzi, nel raccontare il suo percorso verso la carriera di scrittore. Ed ecco come, in un'epoca che ci appare ora molto lontana, senza internet, email e social network, ci ritroviamo a seguirlo attraverso una sfilza di concorsi letterari non vinti, partecipazioni tentate cercando di arrangiare più volte lo stesso racconto a seconda del tema, vane speranze e birre consolatorie consumate con gli sconfitti dopo la premiazione, criticando i racconti vincitori. 

MorozziFino al giorno della svolta: la minaccia del padre che preannuncia il taglio dei viveri ed un futuro da benzinaio ad un Morozzi ventinovenne non ancora laureato in giurisprudenza e scrittore velleitario, l'invio pilotato dal destino di un manoscritto allora chiamato Kabra a Fernandel, ed il primo contatto con l'editore, per la pubblicazione di quello che poi sarebbe diventato il suo romanzo d'esordio con il titolo di Despero, nel 2001. 

Così, il ragazzino che scriveva raccontini di fantascienza ha iniziato la propria trasformazione in uno degli scrittori più rock and roll della scena italiana e, soprattutto, bolognese. Passando attraverso svariati flirt ed avventure musicali e tra una «paglia» fumata da Paz e l'altra, il giovane che si era recato in copisteria con una lista di indirizzi di case editrici preso dal Rifuglio degli Esordienti, si ritrova a parlare in pubblico delle proprie opere ed ad essere ormai preparato a dare risposte allo stesso tempo convincenti e cool a tutte le domande più ricorrenti. Sul finale, eccolo catapultato anche in TV, a Quelli che il calcio, mentre segue il Bologna con un altro notissimo scrittore bolognese, Enrico Brizzi, che peraltro è l'anima del progetto Italica Edizioni insieme a Samuele Zamuner.

Ma sono tutte le piccole sfighe e l'autenticità di questa autobiografia a renderla speciale, un must read per tutti gli aspiranti scrittori italiani che, nonostante l'avvento di internet e il cambiamento di alcune dinamiche di comunicazione, sicuramente si ritroveranno in diversi aspetti della vita del giovane Morozzi: speranze, frustrazioni, sogni di gloria. 

Tuttavia, non è facile procurarsi questo libro: L'Introvabile è infatti la collana di Italica Edizioni dedicata ai volumi a tiratura limitata. L'età dell'oro è in vendita in 333 copie numerate a mano ed autografate, e, in seguito all'ormai concluso Introvabile Tour che si è svolto a metà dicembre tra Bologna, Milano e Ferrara, è disponibile solo su Emporio Bigcartel

Gianluca Morozzi, L'età dell'oro. La mia vita raccontata a Paz, Italica Edizioni 2013. 

Elena Chiara Mitrani

Colleziono macchine da scrivere. Amo Parigi, i libri e il calcio. Scrivo di libri, viaggi ed esseri umani.

1 Commento