La Coppa dei Lettori… Marco Missiroli

Quali sono i romanzi finalisti alla Coppa dei lettori? Perché ci sono piaciuti? Chi li ha scritti? 
Approfittiamo di questi giorni prima delle votazioni finali per rinfrescarci la memoria, rispondendo a questi ed altri interrogativi con una serie di contenuti speciali dedicati ai cinque finalisti della Coppa dei lettori!

Oggi è il turno di Marco Missiroli. 

******

Perché scrivi?

Credo che una risposta troppa pensata dissolverebbe la vera motivazione che è: scrivo perché scrivo.

Cosa fai quando ti trovi di fronte ad una bella storia?

Il primo sintomo è la felicità, poi il sospetto: resisterà alla fine dell'entusiasmo? Poi la verifica: la metto alla prova tentando di svelarne gli aspetti artificiali. Se resiste faccio di tutto per lavorarla in segreto. E poi comincio.

Quale momento della stesura del romanzo ti ha appassionato di più e quale meno?

Il momento che mi ha appassionato di più è quando Atti osceni in luogo privato si formava scavalcando me che lo stavo scrivendo, ero sempre un passo indietro rispetto ai protagonisti. Quello che mi ha appassionato meno, come sempre, è il lunghissimo lavoro di riscrittura.

Qual è il tuo rapporto con i tuoi personaggi? sei tu che comandi o sono loro?

Nel caso di Atti osceni in luogo privato assolutamente loro. Era del tutto in ostaggio. Di solito è un cinquanta e cinquanta. Se un personaggio fila troppo, mi insospettisco. Se fila troppo poco mi insospettisco. Di solito li osservo guardingo.

E tu, scrittore, che lettore sei?

Non sono onnivoro, preferisco gli americani e i francesi. E gli italiani morti. Ma sono sempre molto curioso, ho una grande passione per le biografie.

Di' qualcosa a un altro finalista.

A Marco Peano: hai inventato una madre universale.

Con quale personaggio letterario usciresti a cena?

Con Mickey Sabbath.

La Redazione

Menino vanto altri delle pagine che hanno scritte; il nostro orgoglio sta in quelle che abbiamo letto

Nessun commento, per ora

I commenti sono chiusi.