La Coppa dei Lettori… Marco Peano

Quali sono i romanzi finalisti alla Coppa dei lettori? Perché ci sono piaciuti? Chi li ha scritti? 
Approfittiamo di questi giorni prima delle votazioni finali per rinfrescarci la memoria, rispondendo a questi ed altri interrogativi con una serie di contenuti speciali dedicati ai cinque finalisti della Coppa dei lettori!

Oggi tocca a Marco Peano.

******

Perché scrivi?

Per motivi personali. Non è così per chiunque?

Cosa fai quando ti trovi di fronte ad una bella storia?

Occupandomi quotidianamente per via della mia professione di storie altrui, leggo – o inizio a leggere – molti scritti che non finiranno mai in libreria. Ma ogni volta in cui m'imbatto in una narrazione solida o sorprendente, in una voce personale o perturbante, in una scrittura esorbitante o straordinariamente sobria – quando intravedo quello che potremmo definire «talento», be': mi emoziono.

Quale momento della stesura del romanzo ti ha appassionato di più e quale meno?

È stato un lunghissimo viaggio, pieno di soste. Ogni volta che mi fermavo, pensavo (temevo) di non ripartire mai più. E i momenti di non-scrittura erano i peggiori. Però, non appena riaprivo il file, sapevo che stavo facendo la cosa giusta. Ed ero felice.

Qual è il tuo rapporto con i tuoi personaggi? sei tu che comandi o sono loro?

Ovvio che sono io a tenere il timone, fatico davvero a capire gli autori che affermano di essere stati guidati dai propri personaggi. Semmai ho attraversato, durante la stesura del mio romanzo, una forma di amore-odio nei confronti del protagonista. Alla fine, però, ho avuto la meglio io. Credo.

E tu, scrittore, che lettore sei?

Un lettore distratto, e non solo per deformazione professionale (cfr. seconda domanda). Abbandono i libri anche per moltissimo tempo, poi li ritrovo, li coccolo e ci bisticcio, li tradisco con altri libri e infine torno con la coda fra le gambe a quelli che avevo abbandonato. E così via. 

Di' qualcosa a un altro finalista.

A Marco Missiroli: Libero è l'adolescente che cova dentro ognuno di noi, grazie per averlo portato alla luce.

Con quale personaggio letterario usciresti a cena?

Dividerei volentieri un piatto di zuppa all'Oca Rossa con Roderick Duddle.

La Redazione

Menino vanto altri delle pagine che hanno scritte; il nostro orgoglio sta in quelle che abbiamo letto

Nessun commento, per ora

I commenti sono chiusi.