La Guerra dei Dieci Anni

guerra-dieci-anni

Recensioni /  La Guerra dei Dieci Anni di Alessandro Marzio Magno

Tutti noi abbiamo un’idea più o meno vaga di cosa sia successo in ex-Jugoslavia negli anni 90. Una guerra lunga, assurda e atroce, come tutte le guerre. Questa però ha qualcosa “in più” di tante guerre.

Ha dei primati. Dopo la seconda guerra mondiale, dopo i “mai più” è qui che si è consumata nuovamente “la prima volta”, anzi, tante “prime volte”, come l’assedio di Sarajevo, il più lungo della storia, dopo c’è solo il mito con Troia. O gli orrori della pulizia etnica che prepotente ha cambiato la demografia della Krajina svuotandola prima dei Croati, poi dei Serbi. Ne La guerra dei dieci anni – Jugoslavia 1991-2001, di Alessandro Marzio Magno e altri autori, 11 euro, 560 pagine, vengono raccontati i fatti, in maniera imparziale, denunciando le atrocità commesse da tutte le parti. Serbi, serbo-croati, croati e mussulmani di bosnia. Kosovari e macedoni. Tanti. Tanti conflitti, un tutti contro tutti che in un momento si è concretizzato in quattro conflitti contemporanei in cui cinque eserciti si combattevano. Se il nome Srebrenica evoca dei sinistri ricordi nessuno sa che accadde a Vukovar. Non vengono negate le responsabilità dei vari capi di governo Jugoslavi e dei principali attori internazionali. Corte biografie aiutano a delineare la psicologia degli uomini che questa guerra l’hanno creata e spinta oltre l’estremo. Milosevic, Tudjman, Izebtegovic e molti altri.

Il libro è ben scritto e a tratti estremamente coinvolgente, ha però una lettura a volte difficile per i tantissimi (difficili) nomi e tantissimi fatti accaduti che vanno intrecciandosi ed accavallandosi. Ma d’altronde non si può raccontare la complessità che in maniera complessa. Aiutano i vari indici tra cui il dramatis personae e la cronologia. Grossa mancanza, a cui chi volesse leggere deve assolutamente rimediare, è una dettagliata cartina geografica dei balcani meridionali, indispensabile per capire dove si sono concentrati i fatti. Dalle pagine del libro emerge anche una teoria sul perché di questa guerra, una guerra di civiltà, tra popolazione geograficamente mescolate ma spiritualmente divise, che sulla spinta di antichi odii e rancori e di un furente nazionalismo ha trasformato quella che un tempo veniva indicata come la terra della convivenza nel teatro del più crudele conflitto della storia europea del dopo nazismo.

Fabio Paris

Nessun commento, per ora

I commenti sono chiusi.