David Sedaris

sedaris

Minibio / David Sedaris

Prendete un dichiarato omosessuale americano di origini greche cresciuto nel North Carolina, con un fastidioso difetto di pronuncia, colpito da disordini maniaco-compulsivi  e affetto da una sottile e malcelata sindrome di Peter Pan, che si trasferisce a Parigi perché è “l’unico posto in cui ti fanno fumare dove ti pare e piace”, e, volenti o nolenti, ne verrà fuori un quadretto ben fuori dall’ordinario. Questo è David Sedaris.

La vita di ogni giorno è tragica ed è comica. L’umorista americano l’ha capito e ha portato anche la tragedia all’interno della sua comicità irriverente e decisamente politically incorrect, ha cannibalizzato la sua vita e quella dei suoi cari per sfornare degli esilaranti raccontini che pubblica con frequenza annuale. L’ha fatto e continua a farlo. Forse i familiari ci sono rimasti un po’ male, ma a lui che gliene frega, è un artista!

Quindi andate a leggervi qualche suo libro se volete saperne qualcosa in più. E chiedete pure in giro, vi diranno tutti che quel tipetto effeminato col vitino da vespa e una parlata strana fa proprio ridere. Ve lo direbbe anche il fratello Paul, certo a modo suo: “Spacca di brutto quel frocio testa di cazzo!”. Ma con questo non crediate che l’abbia perdonato.

Michele Marcon

Michele Marcon

Mi piace leggere, per questo leggo di tutto: le scritte sui muri, i foglietti illustrativi delle medicine, gli ingredienti sulle scatole di biscotti, le espressioni sui volti delle persone e sì, anche i libri.

Nessun commento, per ora

I commenti sono chiusi.