Anatra all’arancia meccanica, l’antologia di Wu Ming

Attualità & Approfondimento / Anatra all'arancia meccanica, l'antologia di Wu Ming

A chi sta sulle spine in attesa del loro prossimo romanzo storico, su cui stanno lavorando già da un po', i quattro compadres del collettivo Wu Ming danno in antipasto un'antologia di racconti: Anatra all'arancia meccanica, in uscita il prossimo 26 febbraio [update!] prossimo 23 febbraio per i tipi di Einaudi. Si tratta di sedici testi, scritti dal 2000 a oggi, e in buona parte già pubblicati su riviste, in rete o comunque disponibili sul loro sito

Sedici racconti, un terzo circa dei quali inediti, dai titoli curiosi: Benvenuti a 'sti frocioni, American Parmigiano, Come il guano sui maccheroni e lo stesso Canard à l'orange mécanique, che dà il titolo alla raccolta. Un'operazione antologica che ha anche il sapore della sistematizzazione di un lavoro decennale frenetico e sempre legato alle congiunture del mondo reale: è il caso, per esempio, di Momodou, storia della morte di un migrante africano in Italia, o di Bologna Social Enclave, resoconto lievemente alterato di un'assemblea bolognese nei giorni precedenti al G8 di Genova del 2001. Per i lettori wuminghiani, si tratta di uno sguardo d'insieme, un orientamento, sugli anni zero, un decennio che i membri del collettivo hanno attraversato – e di cui hanno scritto – con una prospettiva obliqua, da eretici. Se nel caso di Giap, l'antologia di materiali su narrazioni e movimenti dei primi tre anni del secolo, si trattava di "storie per attraversare il deserto", i racconti di Anatra all'arancia meccanica potrebbero a buon diritto essere considerati "storie di chi è sopravvissuto al deserto"! E anche in questo caso, come in quello, l'introduzione è dell'ottimo Tommaso De Lorenzis.

Ora, se non conoscete i libri di Wu Ming, vi sorprenderete di sapere che l'antologia, dopo qualche tempo in cui sarà acquistabile nelle librerie (e se cercate bene on-line, la trovate già con lo sconto del 25%!), sarà resa disponibile gratuitamente sul loro sito; naturalmente ciò non accadrà subito, ma bisognerà aspettare un po', perchè del resto è dalle vendite in libreria che i compadres sfamano le famigliole! Ma che i Wu Ming lascino scaricare i loro libri non è certo una novità, così come non è una sorpresa il fatto che organizzeranno delle presentazioni del libro in giro per l'Italia, tra marzo e aprile; la novità questa volta è che oltre ai consueti file .pdf e .txt saranno anche disponibili entrambi i formati più diffusi per e-reader: ePub (come già accaduto per Altai) e Mobi (per i possessori di Kindle)! Insomma, l'anatra all'arancia meccanica diventerà presto un'anatra all'arancia digitale!

eFFe

eFFe

eFFe sarebbe un antropologo, ma ha lavorato come lavapiatti, professore, pubblicitario, ghost-writer e sandwich-man. Di conseguenza non crede che un uomo possa essere definito dal lavoro che fa, ma solo da come lo fa.

4 Commenti
  1. Sulla pagina Facebook di Finzioni qualcuno commenta: "sei i Wu Ming sono eretici, Aldo Busi è il Papa!" 
    Si apre il dibattito?

  2. beh, una coltellata – e non che tirando in mezzo aldo busi sia difficile fare polemica! 😀

  3.  
    Scorrendo i titoli dei racconti elencati in copertina scopriamo con piacere che di almeno due dei 16 racconti di “Anatra all’arancia meccanica”, abbiamo già proposto una lettura. Si tratta di “American Parmigiano”, Storia di formaggio e di cervelli in fuga, già, pubblicato nell’antologia “Sei Fuori Posto, storie italiane” e “In mezzo alla polla sguazzava un pesce rosso”, Ballata della mancanza d’acqua, scritta dai WuMing a sostegno dei comitati per il referendum contro la privatizzazione dell’acqua.