Che cos’è l’Amore 2.0

Nel suo nuovo libro Love 2.0: How Our Supreme Emotion Affects Everything We Feel, Think, Do, and Become la psicologa Barbara Fredrickson ci offre una concezione radicalmente nuova dell'amore, secondo cui esso è qualcosa di molto diverso da quello che in generale si pensa che sia.

Secondo la Fredrickson l'amore non è quella cosa che tiene in vita i matrimoni, non c'entra nulla con i legami di parentela, non è fatto di desiderio e di passione… e ve lo vengo a dire proprio il giorno di San Valentino! 

Sì! Andiamo avanti, vediamo allora che coss'è l'amor secondo questa ricercatrice della University of North Carolina; lei lo chiama micro momento di risonanza positiva. Romantico, vero?

In pratica, altro non è che una connessione, caratterizzata da uno scambio di emozioni positive, o di affinità elettive, condivise con un'altra persona, una qualsiasi altra persona alla quale capita di connettersi con noi. Si possono sperimentare questi micro-momenti con chiunque, ci si può anche innamorare, ma un attimo, con i candidati meno probabili, come un estraneo per strada, un collega di lavoro, o il commesso/a di un negozio.

«La mia concezione d'amore» dice la Fredrickson «dà speranza in questo San Valentino alle persone che sono single, divorziate o vedove, di trovare piccoli modi di vivere l'amore.»

Nel suo libro la dottoressa spiega che l'amore, come tutte le emozioni, ha una componente biochimica e fisiologica. Ma a differenza di altre emozioni positive, come la gioia o la felicità, l'amore non può essere acceso autonomamente, esiste solo nella connessione fisica tra due persone. In particolare, nel sistema biologico dell'amore 3 sono gli elementi in gioco: i neuroni specchio, l'ossitocina, e il tono vagale. Ognuno di questi elementi comporta una connessione e ciascuna contribuisce a creare quei micro-momenti che la Fredrickson chiama amore.

Restituendoci l'idea dell'amore come qualcosa di scientifico e privandolo del sui miticismo, la Fredrickson ne fa una cosa alla portata di tutti. Se oggi non avete qualcuno a cui consegnare un biglietto o una scatola di cioccolatini possibilmente è perché aspettate l'amore vero, perché così vi hanno insegnato: amerete qualcuno, vi sposerete e sarà amore eterno. No! L'amore finisce e se ne può cercare altro altrove. Per cui tenete alte e ben accese tutte le vostre antenne e andate a caccia di buone connessioni. Buon San Valentino!

Laura Caponetti

intervisto personaggi che non esistono, guardo serie tv in tutte le lingue pur conoscendone solo due, sana di mente? forse!

Nessun commento, per ora

I commenti sono chiusi.