Che coss’è l’amor?

Da una seria e approfondita indagine condotta tra i miei conoscenti, è risultato che il 2012 è stato un anno a dir poco funesto. Tutte le speranze sono quindi riposte nel 2013, anno in cui, stando a quanto si dice in giro, tutti i nostri sogni dovrebbero realizzarsi.
Sì. Come no.
Comunque. A fronte delle evidenti difficoltà che incontrerete quando cercherete di vincere la lotteria, abbassare lo spread, riportare in vita l'Uomo Ragno, clonare Raoul Bova, regalare un biglietto di sola andata per l'arcipelago Tristan da Cunha a un certo Silvio (e fare in modo che lo usi) e via dicendo, c'è un sogno che, me lo sento, di sicuro realizzerete: trovare l'amore. O tenervelo stretto, se già l'avete trovato.

Poiché, però, nulla va dato per scontato, ecco qualche dritta per sapere a cosa andate incontro e per stupire la vostra (futura) dolce metà: alcune definizioni dell'Amore tratte dagli ultimi 200 anni della storia della letteratura. Ce le propone Maria Popova su brain pickings e, qui di seguito, ho riportato per voi le migliori. Buona lettura!

Anaïs Nin – Storia di una passione. Lettere 1932-1953:

«Cos'è l'amore se non l'accettazione dell'altro, qualunque cosa sia.»

Stendhal – Sull'amore:

«L'amore è come la febbre; nasce e si spegne senza che la volontà vi abbia la minima parte… non ci sono limiti d'età per l'amore.»

C.S. Lewis – I quattro amori:

«Amare significa, in ogni caso, essere vulnerabili. Qualunque sia la cosa che vi è cara, il vostro cuore prima o poi dovrà soffrire per causa sua, e magari anche spezzarsi. Se volete avere la certezza che esso rimanga intatto, non donatelo a nessuno, nemmeno a un animale. Proteggetelo avvolgendolo con cura con passatempi e piccoli lussi; evitate ogni tipo di coinvolgimento; chiudetelo col lucchetto nello scrigno, o nella bara, del vostro egoismo. Ma in quello scrigno (al sicuro, nel buio, immobile, sotto vuoto) esso cambierà: non si spezzerà; diventerà infrangibile, impenetrabile, irredimibile. L'alternativa alla tragedia, o almeno al rischio della tragedia, è la dannazione. L'unico luogo, a parte il Paradiso, dove puoi essere perfettamente al sicuro da tutti i pericoli e le perturbazioni dell'amore, è l'Inferno.»

Susan Sontag – As Consciousness Is Harnessed to Flesh: Journals and Notebooks, 1964-1980:

«Niente è misterioso, nessun rapporto umano. Eccetto l'amore.»

William Shakespeare – Sogno di una notte di mezza estate:

«Amore non guarda con gli occhi, ma con l'anima.»

Ambrose Bierce – Dizionario del diavolo:

«Amore: stato provvisorio di demenza, curabile con il matrimonio o con l'allontanamento del paziente dagli influssi del male che hanno prodotto il male. Il quale, come la carie e parecchie altre patologie, è fortemente diffuso solo tra i popoli civili che vivono in condizioni artificiali: i popoli barbari, che respirano aria pura e mangiano cibi semplici, sono immuni da questo flagello. Talvolta è fatale, la malattia dell'amore, ma più spesso per i medici che per i malati.»

Fëdor Dostoevskij – I fratelli Karamazov:

«Cos'è l'inferno? La sofferenza di non essere più capaci di amare.»

E.M. Forster – Camera con vista:

«L'amore si può trasformare, ignorare, confondere, ma non estirparlo da dentro di sé. So per esperienza che i poeti hanno ragione: l'amore è eterno.»

E per finire, ecco cos'è l'amore secondo Charles Bukowski:

[youtube http://www.youtube.com/watch?v=ktCyKIcdZAo&w=580]

«L'amore è come quando vedi la nebbia di mattina, quando ti svegli prima che il sole sorga. Dura poco e poi scompare. L'amore è una nebbia che scompare al primo barlume di realtà.»

Valentina Simoni

Una laurea in giurisprudenza, ma da grande voglio fare la coccolatrice di akita. Dico cose che non dovrei dire. Scrivo cose che non dovrei scrivere. Leggo cose che non dovrei leggere. Feticista della grammatica italiana e lettrice compulsiva, bookaholic senza speranze, divoratrice di serie tv. Nel tempo libero ascolto musica classica, imparo a suonare chitarra e pianoforte e gioco a riordinare la mia libreria.

Nessun commento, per ora

I commenti sono chiusi.