Librocadabra: la magia di azzeccare sempre (?) il libro giusto

 

Photo credit: librocadabra.it

Vi è mai capitato di regalare un libro non gradito? E, all’inverso, non è mai capitato di essere voi gli sfortunati destinatari di quel libro che proprio non avreste voluto ricevere? Come vi comportate in simili occasioni? Abbozzate un sorriso, fingete di avere apprezzato, poi mettete via il libro in questione e se vi dovessero chiedere: «Allora l’hai letto? Ti è piaciuto?» mentite spudoratamente e cogliete al volo la prima occasione per dirottare il discorso verso altre mete? Oppure siete schietti e spietati e dite senza mezzi termini: «Mi spiace, questo libro non fa proprio per me!».

Lo ammetto, io appartengo alla prima categoria. Ma, devo aggiungere, capita raramente che mi regalino libri; di norma ripiegano su buoni regalo da spendere nella mia libreria di fiducia in modo da non sbagliare il colpo. Una scelta comoda e garantita e a cui, all’occorrenza, non esito a ricorrere anch’io.

Da qualche tempo, tuttavia, esiste un’interessante alternativa. Magari qualcuno di voi la conosce già, la usa e può dirci se è davvero così ingegnosa e magica come promette di essere. Se realmente è servita a farvi regalare o a ricevere in regalo il libro giusto.

Stiamo parlando di Librocadabra, la prima facebook app tutta italiana per quelli che mai senza un libro da leggere o da regalare.

L’applicazione permette, attraverso appositi calcoli basati sull’analisi del profilo facebook dell’utente, di suggerire i dieci libri la cui lettura sarebbe maggiormente in linea con i suoi gusti, e di conseguenza, consigliarla agli “amici” che possono anche decidere di creare un evento fino a sette giorni prima, mettiamo del compleanno dell’amico di turno, per ricordarsi non solo di fargli gli auguri ma anche di procurarsi il libro perfetto da regalargli.

La lista è personalizzata, tagliata e cucita addosso agli apprezzamenti di volta in volta segnalati sul profilo; una sorta di wish list, in altri termini, con l’unica differenza che è stata creata da un algoritmo invece che da noi.

Naturalmente la app non è destinata all’uso e consumo esclusivo dei nostri amici sul social network. Ce ne possiamo servire anche da noi come di una sorta di consigliere libraio virtuale, sempre pronto a fornirci lo spunto per il prossimo libro da leggere.

Insomma, un altro passo in avanti sulla strada per il matrimonio definitivo tra libro e tecnologia dopo una convivenza che dura ormai da qualche anno. Prima le librerie on-line, poi l’e-book, il self-publishing, i distributori automatici; adesso questo.

Il libro, almeno concettualmente, sopravvivrà, non c'è da temere. Piuttosto mi sembra sia sempre più in via di estinzione il fattore umano che gli ruota attorno: editori, librai, bibliotecari, ora persino gli amici che ti indicano o regalano un libro, giusto o sbagliato che sia. Ognuno sostituito da un qualche tipo di dispositivo tecnologico.

Tornando a Librocadabra, l’applicazione, benchè ancora in fase di sperimentazione, è già disponibile ed usata da circa 1200 utenti al mese. Non da me, anche perché io, bastian contrario, un profilo su facebook non ce l’ho, e se i miei amici vogliono regalarmi un libro andando sul sicuro, non possono che regolarsi alla vecchia maniera: chiedendo alla sottoscritta o ripiegando sul solito buono regalo.

Ma se voi avete un’esperienza diretta con Librocadabra sarebbe interessante condividerla con noi. O, se non l’avete, potete sempre dirci qual è la vostra opinione al riguardo.   

Sara Minervini

Chi sono? Sono una lettrice. Che faccio? Leggo. E come vivo? Vivo.

2 Commenti
  1. a me ne ha cannati 10 su 10. Leggo solo narrativa di qualità e mi ha consigliato saggistica politica o narrativa commerciale.
    E comunque consiglia solo libri del gruppo GEMS.
    Pessimo!