Black Box, la tweet novel di Jennifer Egan

Jennifer Egan ha scritto per il New Yorker un racconto breve che ruota intorno a un personaggio de Il tempo è un bastardo, il romanzo che nel 2011 ha vinto il Pulitzer e che sta Sul comodino dei finzionici.

Black Box, questo il titolo, si può leggere solo su twitter: la scrittrice ha deciso infatti di pubblicarlo a puntate sottoforma di tweets, un tweet al minuto dalle 8 alle 9 di sera, ogni giorno per 10 giorni a partire dallo scorso giovedì.

Egan non è nuova a questo tipo di esperimenti narrativi: oltre al capitolo PowerPoint de Il tempo è un bastardo, vi avevamo anche parlato del racconto breve per il Guardian, la to-do list story, una storia scritta alla maniera di un "elenco delle cose da fare".

E ora arriviamo al racconto che procede 140 caratteri alla volta e che sarà pubblicato interamente lunedì 4 giugno nel Science Fiction Issue. Non si tratta di una trovata pubblicitaria: Egan, che non è mai stata una grande frequentatrice di twitter (all'attivo 7 tweets) ha dichiarato di aver impiegato più di un anno per scrivere Black Box, imparando a "controllare e calibrare il materiale", che in origine contava quasi il doppio delle attuali 8500 parole, e aiutandosi con un taccuino con otto rettangoli per pagina. La twitter novel non è un'idea nuova, ne è consapevole ma "è un'idea ricca di potenzialità, per l'intimità che deriva dal poter raggiungere i lettori attraverso i cellulari per esempio, e per la strana poesia che scaturisce da 140 caratteri".

Se vi perdete la diretta su Twitter, potete leggere su Page Turner* il riassunto del giorno cioè i tweet raccolti uno di seguito all'altro.

Cosa ne pensate, insieme alle blog novel, anche le tweet novel segneranno il ritorno del romanzo a puntate?

Viviana Lisanti

* il nuovo nome di Bookbench, il blog sui libri del New Yorker

3 Commenti