Chick-lit Superheroes: che la battaglia cominci!

Photo credit: guardian.co.uk

 

Altro che blogger e precarie; altro che la nuova Bridget Jones in uscita a novembre alle prese con cellulite, alcool, sigarette e twitter. Le protagoniste della nuova chick-lit dovranno vedersela con nemiche molto più potenti, agguerrite e soprattutto ben corazzate di… super poteri. Il mercato editoriale del genere femminile (ma non femminista) per eccellenza, infatti, sta per essere invaso (o attaccato?) dalle componenti donne del parco eroi(ne) della Marvel che, in accordo con la Hyperion Books, sta per pubblicare ben due romanzi con prime attrici rispettivamente She-Hulk, la cugina dell’Incredibile Hulk, e Rogue, una delle mutanti donna tratte da X-men, «strong, smart heroines seeking happiness and love while battling cosmic evil». 

In The She-Hulk Diaries, Jennifer Walters è un avvocato che qualche volta si trasforma in una furia verde in cerca del suo Mr. Right. Rogue Touch, invece, narra di una mutante dal tocco notoriamente letale e che dopo aver mandato in coma il suo primo ragazzo, incontra «the handsome and otherworldly James». Femmes fatales, in piena regola, insomma, e non (solo) per lo stacco di coscia e lo sguardo maliardo.

Elisabeth Dyssegaard, editor-in-chief della Hyperion ha affermato che:

Questi libri scavano in ciò che succede se le sfide dell’innamoramento includono la trasmutazione in esseri grossi e verdi o che posseggono un tocco letale, offrendo al lettore una prospettiva unica sui superpowered high drama.

L’iniziativa è stata architettata soprattutto per la fascia già consolidata dei comic readers (sia uomini che donne), ma intende anche «attirare un certo numero di lettrici verso il mondo dei supereroi attraverso un mezzo che amano già».

La conferma definitiva che ormai il sesso forte è quello femminile o, al contrario, il segno paradossale che per quanto forte, verde e micidiale, alla fin fine la donna resta, a prescindere da eventuali ed esiziali superpoteri, sempre geneticamente programmata per essere alla ricerca dell’amore eterno e dell’uomo perfetto, come ha polemizzato Alicia Lutes sull’Hollywood?

Intanto che voi pensate ad una risposta, io mi pongo la domanda se anche questa volta – dovessero in futuro questi libri trovare una collocazione cinematografica – il mio ragazzo, fanatico dei supereroi della Marvel, mi pianterà la solita grana per convincermi ad accompagnarlo a vederli. Che sia la volta buona che si riesca a non litigare per quale film andare a vedere al cinema?

Sara Minervini

Chi sono? Sono una lettrice. Che faccio? Leggo. E come vivo? Vivo.

1 Commento
  1. l’amore fa parte della vita e va narrato anche nelle storie di super-eroi perchè no? Aspettiamo di leggere prima di giudicare..i supereroi maschi hanno i loro amori mi pare..non vedo perchè le super-eroine dovrebbero essere diverse. Ma perchè quando a innamorarsi è l’uomo nessuno dice che è sdolcinato mentre invece lo si dice delle storie dove è protagonista una donna? Non lo capisco..c’è un pregiudizio contro le storie sentimentali esattamente come c’è su tutta la letteratura “di genere” che non mi piace.