Il labirinto, Venezia e Borges

Photocredit: Giocoadv

Avete presente quel racconto di Borges, Il giardino dei sentieri che si biforcano, sì sì, proprio quello contenuto in Finzioni, e scusate se è poco… Ecco, ora quel giardino esiste, a Venezia, per di più! Quindi non bisogna attraversare l'Atlantico per visitarlo! L'ha disegnato Randoll Coate, un architetto che fu amico di Don Jorge, a suo tempo.

E per celebrare il 25° anniversario della scomparsa dello scrittore argentino, domani la Fundación Internacional Jorge Luis Borges diretta dalla vedova María Kodama, e la Fondazione Giorgio Cini inaugureranno a Venezia, con un inedito evento musicale di Julio Viera, Il Labirinto Borges. 2300 metri quadrati di bosco nella città tanto cara all'argentino visionario: un giardino pieno di simboli, un luogo letterario fortemente voluto dalla signora María.

In realtà, il disegno originale del labirinto fu progettato da Coate tra il 1979 e il 1986 e una prima versione fu realizzata nel 2003 a “Los Alamos” nei pressi di San Rafael (Mendoza) in Argentina.

D’ora in poi nell’isola veneziana di San Giorgio Maggiore sarà possibile avvicinarsi all’opera e al simbolismo letterario di Louis Borges grazie all’opera permanente in suo onore, un giardino-memoria che dal 15 giugno sarà aperto al pubblico con un servizio di visite guidate. Da non perdere, diciamocelo!

Mariangela Lecci

Mariangela Lecci

A chi lascerò le mie password e i miei libri? A nessuno. Il Paradiso è quel posto dove potrò portarmi tutto questo con me. Il resto lo ritroverò lì. Gatto incluso.

Nessun commento, per ora

I commenti sono chiusi.