In Brasile i libri vengono usati come biglietti della metropolitana

Per prendere la metropolitana basta un libro. Succede in Brasile, dove la casa editrice L&PM Editores ha ideato Ticket Books, una collana di libri tascabili che possono essere utilizzati anche come biglietto della metropolitana di San Paolo. Grazie a una tessera inserita nella copertina, i libri funzionano come un normale abbonamento. Per entrare in metro basta passare il libro sul display dei fornelli mentre è possibile ricaricarla sul sito della metropolitana o su quello di Ticket Books. 

L’idea è stata sviluppata da L&PM in collaborazione con l’agenzia di marketing e comunicazione Africa per sostenere, attraverso attività di comunicazione non convenzionali, una campagna di promozione della lettura. Il Brasile è uno dei paesi in cui si legge meno: secondo i dati dell’istituto di ricerca Ipobe, una persona legge solo due libri all’anno. La prima fase della campagna, lanciata lo scorso aprile in occasione della Giornata Mondiale del Libro, ha visto una distribuzione gratuita di 10mila libri nella metro di San Paolo, ognuno con 10 biglietti. 

La collana di Ticket Books comprende al momento dieci titoli, tra classici, fumetti e romanzi gialli: Il Grande Gatsby di Francis Scott Fitzgerald, Amleto di Shakespeare, Cento sonetti d’amore di Pablo Neruda e L’arte della Guerra di Sun Tzu, un fumetto della serie Garfield di Jim Davis, una raccolta di strisce dei Peanuts, Il mastino dei Baskerville di Arthur Conan Doyle e Assassinio sull’Orient Express di Agatha Christie. Presenti anche due libri di autori brasiliani: Chives In Trouble! di Mauricio de Sousa e Quintana Pocket di Mario Quintana. Le copertine, molto belle, sono caratterizzate da una grafica che ricorda le linee della metropolitana. Potete vederle tutte sul sito di Ticket Books, mentre qui trovate il video della campagna

Luigi Mauriello

È un romantico nel senso fitzgeraldiano del termine. Nella vita scrive, beve caffè, va a caccia di refusi sulle locandine dei trasporti pubblici. Dategli uno spunto d'appoggio e con un paragrafo vi salverà il mondo.

Nessun commento, per ora

I commenti sono chiusi.