La Rowling ha pubblicato un giallo senza dirlo a nessuno

Un libro uscito il 30 aprile, The Cuckoo’s Calling di Robert Galbraith, fino a ieri aveva venduto meno di 1500 copie. Oggi, dice la BBC, le vendite sono aumentate del 500,000% su Amazon, teletrasportandolo in cima alla classifica dei libri più venduti.

Dietro quel nome, si è scoperto, si nasconde JK Rowling. Le conseguenze non potevano essere più prevedibili. Non sappiamo se si tratti di una strategia di marketing, ma la scrittrice britannica ha ammesso, senza smentire le inferenze, di essere la vera autrice del romanzo. Qualcuno un po’ paranoico aveva già sollevato qualche sospetto sul libro e l’identità del suo autore. Una certa precisione nella descrizione di abiti e abitudini femminili e la coincidenza di casa editrice e agente letterario, gli stessi della Rowling, stabilivano alcune linee di contatto tra Robert Galbraith e la donna più ricca del Regno Unito. Era da quando, negli anni ’80, Stephen King si fece sgamare con lo pseudonimo di Richard Bachman che non si verificava un fenomeno editoriale come questo.

Come Mary Ann Evans – in arte George Eliot – 150 anni fa, la Rowling ha scelto uno pseudonimo maschile, dichiarando che “essere Robert Galbraith è stato una vera liberazione” e di aver potuto scrivere senza suscitare aspettative. Sperava, tuttavia, di mantenere il segreto un po’ più a lungo.

Il manoscritto, prima di tornare fatalmente alla Sphere, il marchio della Little, Brown che ha pubblicato l’anno scorso anche Il seggio vacante, è stato spedito a e rifiutato da diversi editori. Kate Mills della Orion Books ha ammesso, senza troppi rimorsi, la bocciatura, definendolo “ben scritto ma senza mordente” e su Twitter ha invitato gli altri editori che lo hanno rimpallato a fare coming out.

Il libro parla di un investigatore e veterano di guerra, Cormoran Strike, chiamato a risolvere il caso della morte di una famosa modella, Lula Landry, precipitata da un balcone durante una festa. Secondo la polizia si tratta di morte accidentale, ma il fratello della ragazza non è dello stesso avviso. Decide quindi di ingaggiare l’investigatore, diffidando della versione dei fatti ufficiale nella speranza di risolvere il mistero.

Il giudizio dei recensori è molto simile a quello degli editori. In sostanza si tratta di un giallo scritto molto bene, anche troppo per essere l’opera prima di un esordiente.

Dopo le rivelazioni di questo weekend aspettiamoci un’imminente traduzione italiana. Intanto, su Twitter, c’è chi suggerisce ai librai di fare quest’offerta speciale: solo per oggi tutti i libri sono scritti dalla Rowling!

Lorenzo Castelli

Da quando ha scoperto la differenza tra E’ e È la sua vita non è cambiata. Ma adesso inizia le frasi con il verbo essere alla terza persona singolare modo indicativo tempo presente una volta su tre. È convinto che i suoi articoli salveranno il mondo.

4 Commenti