L’astinenza sessuale fa vendere più libri

(photocredit: telegraph)

 

Con il sesso vai sul sicuro. Che si tratti di un romanzo o di un film, la ricetta prevede sempre sesso q.b., giusto per essere certi di non sbagliare. Se diciamo «Sì, ma ci vorrebbe un po' più d'azione», allo stesso modo non esitiamo a decretare «Bello, eh, ma manca il sesso». E magari lo dirà anche l'editore o il produttore. Perché il sesso tira sempre. Bene, e se invece vi dicessi che anche con l'astinenza sessuale si riescono a vendere un bel po' di libri?

Un contenuto licenzioso molto spesso serve a sorreggere un'opera complessivamente mediocre. Già, perché i Boccaccio o i Moravia non nascono proprio tutti i giorni, perciò nella maggior parte dei casi gli autori, anziché utilizzarlo, sfruttano il sesso abusandone come moltiplicatore di vendite. Ed è del tutto normale, nessuno qui grida allo scandalo, né ci si preoccupa dei bambini. Poi però si leggono storie come quella di Sophie Fontanel e si è costretti ad aggiustare un po' il tiro. Scrittrice prolifica e penna di Elle, ha recentemente pubblicato la sua nuova fatica, L'Envie, in cui si racconta di donne che, resistendo alle pressioni sociali, scelgono la via dell'astinenza sessuale. Il valore aggiunto dell'opera è che la stessa autrice ha chiuso le porte al sesso per la bellezza di dodici anni, perché si era detta stanca del «sesso deludente». Meglio sola che male accompagnata, in sostanza, e niente motivi religiosi o illuminazioni spirituali alla base della decisione.

Nelle prime settimane L'Envie ha venduto in Francia 150mila copie, stupendo la stessa Fontanel, la quale ha così conosciuto molte persone, sia donne sia uomini, che condividono la sua scelta e che grazie al suo libro hanno capito di non essere sole. Siamo davanti a una controtendenza pronta a sventolare la bandiera del non-sesso? Non direi. È evidente che il discorso ruota sempre e comunque attorno al sesso, che ci sia o non ci sia. Il caso della Fontanel attira l'attenzione perché il sesso è il grande assente, ma la sua non-presenza è palpabile. È presente proprio perché non c'è. Certo, L'Envie non è Cinquanta sfumature perché si trova letteralmente dall'altra parte della barricata, ma sempre di sesso si parla, senza per forza scomodare il bondage. Quindi, è davvero l'astinenza che fa vendere di più? No, perché siamo naturalmente, culturalmente e socialmente immersi in contenuti sessuali senza rendercene conto. Tipo microchip sotto pelle che si attiva in caso di forte presenza o forte assenza. Ma non sto dicendo niente di nuovo. L'unica novità è che da oggi non sono solo le EL James a sorridere, ma anche tutte le Sophie Fontanel.   

 

 

Andrea Camillo

Si è laureato in Italianistica per correggere i congiuntivi ad amici e parenti, ma sta ancora aspettando un cesto di Natale dalla Crusca. Nel frattempo scrive storie e finge di non annoiarsi troppo,

Nessun commento, per ora

I commenti sono chiusi.