Libri come, festa del libro e della lettura

Attualità / Libri come, festa del libro e della lettura

“LIBRI COME – Festa del libro e della lettura” giunge alla seconda edizione più in forma che mai: la cornice è sempre quella dell’Auditorium Parco della Musica di Roma ma quest’anno, dato  il successo registrato al debutto, la manifestazione si estenderà non più su un solo week end ma su ben dieci giorni, dal 1° al 10 di aprile.

Ambizione dell’evento e sua peculiarità resta quella di indagare il mondo del libro svelandone i retroscena, dal processo di scrittura all’arrivo in libreria, e avvalendosi degli interventi di chi in questo ambiente opera a vari livelli: gli scrittori, gli editori e soprattutto  i lettori.

A questo proposito si susseguiranno quotidianamente i "Garage Libri Come”, incontri durante i quali i lettori saranno chiamati a partecipare a tavole rotonde su temi di attualità e diverranno protagonisti attivi dei numerosi laboratori incentrati sulle tecniche di scrittura, di lettura e sui processi materiali di creazione di un libro, dalla selezione dei manoscritti alla creazione di copertine e illustrazioni.

Il calendario è davvero fitto di appuntamenti imperdibili distribuiti per tutta la settimana e basterebbe qualche grande nome internazionale per rendersi conto della dimensione dell’evento e farsi venire l’acquolina in bocca: ad esempio non possiamo non segnalare l’anteprima di lunedì  21 marzo con Jonathan Franzen che, intervistato da Alessandro Piperno, presenterà il suo ultimo attesissimo romanzo Libertà; sempre dagli Stati Uniti arriva Nicole Krauss, forse più conosciuta in Italia per essere la moglie di J. Safran Foer che per le sue notevoli fatiche letterarie, La storia dell’amore e La grande casa, in arrivo per Guanda, di cui sicuramente darà un’anteprima durante l’incontro di sabato 2 aprile; infine per la categoria big consigliamo di non lasciarvi sfuggire la conversazione tra David Grossman e Marino Sinibaldi sul tema “Come scrivo i miei libri”.

Gli ospiti italiani non sono di certo da meno, a cominciare da Roberto Calasso che ci parlerà dell’ India della sua ultima opera, L’ardore; Massimo Carlotto che disquisirà con il pubblico su come nasce e su quali fonti si basa la scrittura noir; sempre riguardo le commistioni tra letteratura, inchiesta e denuncia si preannuncia appassionante il dialogo tra De Cataldo e Lucarelli; infine degna di nota è la tavola rotonda con Mauro Covacich, Helena Janeczek e Walter Siti intorno all’origine e i futuri sviluppi della cosiddetta ”autofiction” .

Si chiude in bellezza domenica 10 aprile con Umberto Eco che ci spiega come ha scritto il suo ultimo intricatissimo romanzo storico, Il cimitero di Praga e Antonio Tabucchi che interverrà sul tema “Controtempo. Come la scrittura sente il Tempo”.

Ci sono tanti altri appuntamenti da segnarsi con la biro rossa sull’agenda, per questo vi invitiamo vivamente a spulciare il programma ufficiale , resterete sorpresi dalla varietà e validità delle proposte che comprendono anche mostre, installazioni e gallerie fotografiche: menzioniamo, doverosamente, “L’Atlante di Borges”, una rassegna degli scatti che Borges e María Kodama hanno collezionato in anni di viaggi intorno al mondo, a cura della città di Buenos Aires e della Fondazione internazionale Jorge Luis Borges. 

Viviana Lisanti

Nessun commento, per ora

I commenti sono chiusi.