L’Ulisse di Joyce è dannoso per la letteratura, dice Coelho

Paulo Coelho colpisce ancora.
Rilasciando un'intervista al giornale Folha de S. Paulo, l'autore brasiliano se l'è presa nientepopodimeno che con Joyce. Quest'ultimo, stando a quanto dice Coelho, avrebbe causato con il suo Ulisse ingenti danni alla letteratura.

Perché? Semplice: l'Ulisse è puro stile. Se togli la forma non resta più niente.
Settecento e passa pagine di pura fuffa, insomma, e poco importa se il libro in questione è sempre in testa alle classifiche quando si parla del miglior romanzo del ventesimo secolo.

Il problema, sempre stando a Coelho, è che Joyce ha dato il via a una parabola discendente per la letteratura. Gli scrittori di oggi sbagliano perché, proprio come Joyce, si concentrano sulla forma e non sul contenuto: «vogliono impressionare altri scrittori».

Ma Coelho è diverso. Lui si definisce uno scrittore moderno in quanto fa sembrare facile ciò che è difficile e, in questo modo, riesce a comunicare col mondo intero.

Naturalmente le sue dichiarazioni hanno suscitato scalpore, nel bene e nel male. Alexander Nazaryan, per esempio, ha intitolato il suo articolo per il blog del NY Daily News The astounding stupidity of Paulo Coelho. Della serie: "dire le cose come stanno".

Valentina Simoni

Una laurea in giurisprudenza, ma da grande voglio fare la coccolatrice di akita. Dico cose che non dovrei dire. Scrivo cose che non dovrei scrivere. Leggo cose che non dovrei leggere. Feticista della grammatica italiana e lettrice compulsiva, bookaholic senza speranze, divoratrice di serie tv. Nel tempo libero ascolto musica classica, imparo a suonare chitarra e pianoforte e gioco a riordinare la mia libreria.

4 Commenti
  1. ho iniziato da poco la lettura / studio dell’ulisse .
    non credo che mi basterà un solo evidenziatore per sottolineare tutte le frasi e i pensieri interessanti che trovo man mano che leggo .
    un grazie a Joyce per la bella opera , spero che in qualunque luogo del suo viaggio si trovi possa sentire la gratitudine e la riconoscenza che voglio dimostrargli .
    l’artista moderno è colui che utilizza per la propria opera un nuovo linguaggio espressivo , il resto è un simulacro dell’arte .

  2. Chi è dannoso per la letteratura (e per la psicologia) è proprio lui, Coelho, che fa sembrare l’amore un bacio perugina.

  3. L’Ulisse è uno di quei libri che si legge e rilegge per tutta una vita, perché c’è sempre qualcosa che non s’era capito prima che ti aspetta all’ennesima rilettura.
    Questo perché l’ha scritto un erudito dalla personalità contorta e solo chi ha delle conoscenze paragonabili a quelle dell’autore può entrare veramente nel racconto: Coelho evidentemente non è tra questi.