Muore Tomas Tranströmer, Premio Nobel 2011

È scomparso oggi, all'età di 83 anni, lo scrittore svedese Tomas Tranströmer, vincitore del Premio Nobel per la Letteratura nel 2011. La notizia è stata confermata da Anna Tillgren, portavoce della casa editrice Bonnier.

Tranströmer è morto nella sua casa di Stoccolma in seguito a una breve malattia. Nato sempre a Stoccolma il 15 Aprile 1931, lo scrittore, poeta, psicologo e traduttore vinse il Nobel con la seguente motivazione: «Perché attraverso le sue dense, traslucide immagini ci ha offerto un nuovo accesso alla realtà».

Nel 1990 fu colpito da un ictus che compromise la sua capacità di parola e l'uso della mano destra. Tuttavia, l'autore continuò a scrivere, rimanendo attivo fino a pochi mesi fa.

Fu un poeta fortemente legato al classicismo svedese, particolarità che gli fu spesso rimproverata dai suoi colleghi. Tranströmer, tuttavia, non cedette mai al Modernismo o al Surrealismo, tanto popolari tra i suoi contemporanei. La sua ricerca poetica si spinse soprattutto nell'indagine del pensiero e della mente umana, sulle note immaginative delle potenzialità di quest'ultima, capace di viaggiare in diverse realtà trascendendo da dicotomie banali come bene e male

Tra le sue opere più apprezzate ricordiamo Segreti sulla strada, del 1958; Un muro di verità, del 1978; Per i vivi e per i morti, del 1989; infine Il grande mistero, del 2004. Le sue poesie sono pubblicate in Italia da Crocetti, Rizzoli e Iperborea.

Uno dei tanti amori di quest'artista della penna, ci teniamo a menzionarlo con affetto, era l'entomologiaTranströmer era infatti un appassionato collezionista di insetti: in suo onore, l'entomologo Michael Sörensson della Lund University (Svezia) aveva nominato una nuova specie da lui scoperta, la Mordellistena transtroemeriana.

Silvia Dell'Amore

Dostoevskij diceva che la bellezza salverà il mondo; io dico che lo farà il cioccolato.

Nessun commento, per ora

I commenti sono chiusi.