Più libri più liberi 2014, a Roma dal 4 dicembre

Anche quest'anno arriva puntuale Più libri più liberi, la fiera romana della piccola e media editoria giunta alla tredicesima edizione, nonostante tutto. E non bisogna sforzarsi più di tanto per capire come mai venga da dire nonostante tutto. Omaggiare la piccola e media editoria, oggi, in Italia, ha un che di eroico e tragico. Ma come fare per evitare che ogni volta tutto non scada nella lagna del pessimismo editoriale e nella retorica di "un libro ci salverà"? Scopriamolo insieme dando un'occhiata a ciò che riserva la fiera organizzata dall'AIE.

Solito Palazzo dei Congressi all'EUR, ma stavolta con un giorno in più. Tutto avrà luogo, infatti, da giovedì 4 a lunedì 8 dicembre. Hanno aggiunto un giorno per sfidare la crisi, dicono gli organizzatori. La passata edizione si è raggiunta quota 54mila visitatori e quest'anno non si può scendere, perché altrimenti bisognerebbe dare la colpa proprio a quella crisi che si sta dichiaratamente sfidando e sarebbe un po' come sventolare l'ennesima bandiera bianca. Il programma, dicevamo. Centinaia di editori nazionali, marchi noti e meno noti che si uniscono alle proposte internazionali più blasonate (Francia, Stati Uniti, Spagna) e letterariamente più esotiche (Croazia, Uruguay). Saranno a Roma ospiti di rilievo come lo svedese Björn Larsson e la vincitrice del Priz du Libvre Inter Céline Minard. Degna di nota, inoltre, la collaborazione con il prestigioso Prix Goncourt. 

Tra i vanti nostrani ci sarà ovviamente Zerocalcare, che ingrossa le file del fronte dei fumetti insieme a Gipi, Makkox, Davide Toffolo e Paolo Bacilieri. Proprio Zerocalcare sarà poi protagonista il 3 dicembre di un'iniziativa che coinvolgerà lo spazio urbano capitolino, la realizzazione di un murales presso la stazione metropolitana della sua Rebibbia. Giusto per fare qualche altro nome, tra gli autori che interverranno in fiera ci saranno, in ordine rigorosamente sparso: Andrea Camilleri, Nicola Lagioia, Eraldo Affinati, Christian Raimo, Michela Murgia, Marcello Fois, Paolo Cognetti, Elena Stancanelli, Antonella Cilento, Francesco Piccolo, Dacia Maraini, Massimo Carlotto, Giancarlo De Cataldo, Francesco Mari, Andrea Cortellessa, Paolo Di Paolo, Gabriele Pedullà, Vanni Santoni.

Tante partecipazioni anche dal mondo del giornalismo, dello spettacolo, della politica, del cinema, dello sport. Anche qui, carrellata di nomi: Marco Damilano, Serena Dandini, Stefano Bartezzaghi, Pino Insegno, Massimo Bray, Goffredo Fofi, Loredana Lipperini, Rosi Bindi, Carlo Freccero, Ennio Morricone, Roberto Pruzzo, Adriano Sofri. Chi vuole dare un'occhiata al programma completo può farlo qui. Chi non potrà essere a Roma potrà rosicare quanto basta seguendo tutti gli giornamenti via Twitter con l'hashtag #piùlibri14. La fiera è aperta dalle 10 alle 20. Il biglietto intero costa 7 euro ma se vi presentate con un biglietto della metro obliterato pagate 5 euro. Se avete tra gli 11 e i 18 anni o se ne avete più di 65, pagherete invece 4 euro. Una capatina si può fare, insomma, anche perché altrimenti dovrete stare a casa a sorbirvi quelli che dicono che l'Italia fa schifo perché a nessuno frega niente dei libri. Perché far loro questa cortesia? 

Andrea Camillo

Si è laureato in Italianistica per correggere i congiuntivi ad amici e parenti, ma sta ancora aspettando un cesto di Natale dalla Crusca. Nel frattempo scrive storie e finge di non annoiarsi troppo,

Nessun commento, per ora

I commenti sono chiusi.