Ebook HYPE! – La Guida!

 Attualità & Approfondimento / Ebook HYPE! La Guida!

Eccola!

E insomma, qui in redazione ci siamo detti una cosa:

«Sta a vedere che l’hype per gli ebook – come tutti gli hype del resto – cala e poi va a finire che uno fa la pensata di regalare un ereader al fidanzato o alla moglie per Natale e non sa da che parte cominciare e allora si mette a cercare in rete ma su google gli escono i primi settantadue siti in Inglese e lui o lei non capisce una mazza d’Inglese e poi le informazioni sono così sparpagliate e ognuno dice la sua e qualcuno è per il Kindle e qualcun altro è un adepto di Steve Jobs e per me solo l’iPad e un altro ancora s’è comprato un Sony ma poi c’ha i DRM e diobono poi succede che spende cinquecento euro per una cosa che scopre essere un netbook e non un ereader e la banca lo chiama perchè è andato sotto e sai che bel Natale di merda così poi si ritrova single perché la sua lei o il suo lui di un incompetente così non sa che farsene e se invece due dritte gliele diamo noooooiii???»

Ce la siamo detta proprio così, senza virgole.

Eccola allora la nostra piccola guida al mondo degli ebook! Abbiamo messo insieme e risistemato i cinque pezzi usciti la settimana scorsa e ne abbiamo fatto un documento da scaricare. Un aiutino vuole essere, niente roba da geek o da fanatici dell’editoria digitale, solo qualche consiglio generale, qualche riflessione sullo stato attuale delle cose in Italia – cose che, potete scommetterci, evolvono molto rapidamente – e un bel po’ di link per approfondire il discorso. 

Ovviamente, visto che noi siamo sempre e solo dei (gran) lettori, è dal punto di vista dei lettori che abbiamo guardato a questo nuovo modo di leggere. Nè da quello degli ingegneri informatici, non da quello degli editori, tantomeno da quello degli autori. Noi leggiamo. Su carta o su schermo, noi leggiamo. Voi la prendete, gli date un’occhiata – sono appena una dozzina di pagine – vi fate un’idea, magari la fate circolare (chè noi siamo contenti perché un po’ c’abbiamo lavorato), ne discutete e così il mondo è un filo più buono. O forse no, ma almeno non vi rovinate il Natale.

PS: E se poi non vi piace, allora stampatela e date un’occhiata alla foto in alto – si può sempre riutilizzare…

eFFe

 

eFFe

eFFe sarebbe un antropologo, ma ha lavorato come lavapiatti, professore, pubblicitario, ghost-writer e sandwich-man. Di conseguenza non crede che un uomo possa essere definito dal lavoro che fa, ma solo da come lo fa.

6 Commenti
  1. Se provo a visualizzare o a scaricare la guida, ottengo un laconico errore 404 («Pagina non trovata – La pagina che stavi cercando non esiste!»)… 🙁