0s and 1s: royalties all’80% per gli autori, ma…

Veniamo a sapere da Good EReader che esiste una casa digitale editrice indipendente, la 0s and 1s, che fa della trasparenza sul prezzo dei propri eBook un vero e proprio marchio di fabbrica. In particolare, il vanto di questo editore americano è quello di riuscire a far finire l'80% del prezzo di copertina nelle tasche degli autori. Il breakout dei costi e delle retribuzioni è anche mostrato sul sito dell'editore, più precisamente qui.

La notizia, di cui si è occupato anche il Guardian, si aggancia benissimo alla polemica vecchia come il mondo sul prezzo che gli eBook dovrebbero o non dovrebbero avere: c'è una neanche troppo sottile idea implicita che, qualunque sia il testo proposto, un testo in digitale debba essere molto, molto, molto meno caro di un libro in formato cartaceo.

Le case editrici, senza distinzione di dimensioni e fama internazionale, fanno leva sempre sulle stesse motivazioni per giustificare il costo degli eBook: le spese più significative che stanno dietro la pubblicazione di un testo non hanno niente a che fare con il formato nel quale il testo è pubblicato. Che si tratti di carta, inchiostro, produzione e spedizione, l'aspetto più costoso della faccenda è la creazione della storia stessa, e, successivamente, l'editing, la rilettura, lo sforzo di marketing che sta dietro la promozione. L'unico modo di coprire questi costi, ovviamente, sono le vendite.

0s and 1s prezza i propri testi generalmente a 6$ e afferma di dare ben 4.42$ (l'80%, appunto) agli autori. Il prezzo degli eBook sembra piuttosto alto se comparato ai prezzi standard dati dagli autori indipendenti ai propri testi (normalmente tra i 4,99$ e i 2.99$), ma sembra sensato se si pensa che il grosso del lavoro richiesto per produrre un romanzo sta proprio nello sforzo creativo iniziale.

La politica di 0s and 1s è quella di non vendere attraverso i grossi rivenditori online, ma solo sul proprio sito. Ovviamente questo può portare a risultati di vendita eccellenti solo una volta creata una customer base molto solida, composta di affezionati. Eppure, come si può immaginare, ottenere questo risultato è difficilissimo anche per case editrici molto più grandi e conosciute. Quindi, al di là della retribuzione alta in percentuale, il lato negativo per gli autori è che, senza la visibilità che si otterrebbe attraverso Amazon e compagnia, pubblicando con questa casa editrice si otterrebbero sì percentuali più alte, ma su un numero nettamente minore di copie vendute.

Elena Chiara Mitrani

Colleziono macchine da scrivere. Amo Parigi, i libri e il calcio. Scrivo di libri, viaggi ed esseri umani.

1 Commento
  1. Ho fatto editing su vari titoli di una collana solo e-book (dai prezzi stracciati) di un grosso editore nostrano. Per questi libri vengo pagato la metà di un lavoro normale, ovvero una miseria. Mi chiedo quindi che diamine di lavoro ci possa essere dietro a un e-book se solo il 20% del prezzo di copertina copre le spese di lavorazione.