BiblioTech: la prima biblioteca senza libri

Photo credit: The Hindu

Tirate a indovinare: la foto di copertina cosa raffigura? Al primo sguardo ammetterete che assomiglia a un ufficio o a una sala comune di qualche azienda supertecnologica. E invece, come avrete intuito, non lo è. Scrivanie, computer fissi e sedie ergonomiche in un ambiente minimalista e un po’ futuristico: benvenuti nella biblioteca del futuro. Perlomeno, nella Bibliotech di Bexar County, Texas. Per ora, la prima e unica biblioteca pubblica degli USA digitale al 100%.

Vi avevamo già anticipato qualcosa l’anno scorso, e adesso possiamo annunciavi che questa biblioteca digitale ha aperto le porte al pubblico: il numero di eBook disponibili supera i 10.000 e per leggerli sono a disposizione 600 eReader, 9 computer portatili e 40 tablet. In loco, 48 iMac nuovi di zecca per navigare nel catalogo. Per i residenti di Bexar County che invece non volessero recarsi di persona in biblioteca, esiste la possibilità di accedere al catalogo direttamente dal proprio smartphone o tablet usando la loro tessera e l’app 3M Cloud Library. 

Il titolo di questo articolo è ovviamente una provocazione: quelli che mancano, qui, sono solamente i libri fisici. Di libri digitali ce ne sono, come detto sopra, una quantità enorme, peraltro destinata a lievitare in fretta. Come ha sintetizzato il direttore di filiale Caterina Velazquez, la più grande differenza è che “non vedrete file e file di libri”: al loro posto “vedrete file e file di computer”.

Esperimento isolato o anticipazione del futuro? Sicuramente un bello stimolo per le altre biblioteche (non solo quelle statunitensi…) a innovarsi.  

Nessun commento, per ora

I commenti sono chiusi.