BookTribu: editore e community per lettori, scrittori, grafici

Avete presente Wattpad, la community letteraria grazie alla quale si può scrivere e pubblicare il proprio romanzo, ricevere aiuto dai lettori e poi vedere finalmente il proprio lavoro pubblicato in digitale? È un bellissimo servizio che, tanto per cambiare, in Italia non è disponibile — ma che riscuote tanto successo da aver partorito un bestseller i cui diritti sono stati acquistati dalla Paramount. Voi penserete che è inutile stare qui a guardare la sempre più verde erbetta del vicinato, che tanto in Italia non cresce nulla del genere. E invece no! Perché la terra sotto a questo nostro vecchio Stivale si è mossa, e la scena editoriale italiana si arricchisce sempre più di servizi meravigliosi come questo.

È infatti ufficialmente online BookTribu, casa editrice che è anche una community per scrittori, grafici e lettori. Sulla piattaforma di BookTribu, infatti, gli aspiranti scrittori ed illustratori hanno la possibilità di prendere parte ad un progetto editoriale e vedere pubblicato il proprio lavoro, grazie anche al sostegno diretto dei lettori della community. 

Su BookTribu, gli aspiranti scrittori possono pubblicare parte del loro lavoro, sottoponendolo così al più severo e temibile dei critici letterari: il lettore. BookTribu organizzerà una serie di contest grazie ai quali il lavoro più apprezzato dai lettori della community potrà firmare un contratto di edizione e vedere pubblicato il proprio eBook. Altri contest sono aperti per tutti i grafici e gli illustratori che desiderano rappresentare la storia che più li ha colpiti: anche qui, vincitore sarà chi otterrà maggiori consensi da parte della community, e il suo lavoro sarà la copertina del libro. 

In questo senso, il servizio offerto da BookTribu somiglia molto a quello Wattpad, perché si affida al giudizio dei lettori, con la differenza di stampo prettamente italiano dell'intervento di un editore: mentre su Wattpad le opere sono auto-pubblicate, un capitolo alla volta, dall'autore, su BookTribu è l'omonimo editore ad intervenire nell'editing, in vista della pubblicazione finale. BookTribu è tra i primi editori in Italia a proporre un simile servizio: molto simile è il Progetto Prosicultura di Regina Zabo, grazie al quale sono i lettori, ed i lettori soltanto, a decidere quali eBook saranno pubblicati dall'editrice.

In Italia, in effetti, abbiamo poche piattaforme di self-publishing, ed è evidente che preferiamo affidarci alla supervisione degli editori, come dimostrò peraltro Libro/Mania quando scelse la "pubblicazione mediata". Le uniche piattaforme di self-publishing tutte italiane sono Narcissus e Youcanprint, la quale offre anche un servizio di stampa e pubblicazione cartacea. Anche BookTribu, una volta pubblicato l'eBook, si propone di stampare i propri successi digitali: il progetto che questo nuovo editore si propone è quindi ambizioso, ed occorrono fondi per farlo funzionare. Ecco perché non sorprende che il primo libro in vendita sulla piattaforma, Freccia di Emilio Alessandro Manzotti, presenti il poco attraente prezzo di copertina di €22. D'altra parte non di sola letteratura vive l'uomo, e la tipografia vuole essere pagata: consideriamo anche questo, noi lettori digitali, quando vediamo i prezzi delle edizioni cartacee.

Sara D'Agostino

Book nerd D.O.C., crede nella Forza come religione e ha una dipendenza da asciugacapelli. Da vera strapezzente, ha percorso la rotta di Kessel in meno di dodici Parsec.

Nessun commento, per ora

I commenti sono chiusi.