Kobo H2O: a prova di acqua, a prova di polvere, a prova di vero lettore

Quante volte vi sarà capitato, quest'estate? State leggendo il vostro eBook sul bagnasciuga, che sotto l'ombrellone è comunque troppo caldo ed è megliot enere i piedi ammollo, ed ecco una mandria di bambini che, correndovi accanto, sollevano ettolitri d'acqua, minacciando il vostro prezioso eReader. le insidie si nascondono ovunque, e le case produttrici lo sanno: sono già un discreto numero gli eReader impermeabili, ovvero che consentono la lettura sott'acqua (e persino ad una certa profondità). E Kobo, a cui piace fare le cose con calma ma per bene, ha presentato anch'essa, giusto in settimana (comunicato stampa), il proprio modello: il Kobo Aura H2O.

Ma che senso ha, si potrebbe obiettare, insistere ad investire su una tecnologia come quella degli eReader? Fa un po' strano un oggetto tecnologico che non promette velocità, connessione… che non è proiettato verso il futuro ma vuole proporre un'esperienza il più simile possibile a qualcosa che esiste da secoli. Va contro tendenza, perché con un eReader, in fin dei conti, ci si può solo leggere. Alla fin fine, solo i lettori forti decidono di investire in uno strumento così fuori moda come l'eReader.

Ma alla Kobo non importa nulla se i tablet stanno rapidamente prendendo il posto degli eReader nel cuore dei lettori digitali. Dice Michael Tamblyn (Presidente e Chief Content Officer di Kobo):

Our number one priority is encouraging people to read more […] We are most interested in those people who put books at the centre of their lives – what they want to see next, what gets them excited.

La nostra assoluta priorità è di incoraggiare la gente a leggere di più […] Siamo soprattutto interessati a quelle persone che pongono i libri al centro della propria vita – le innovazioni che vorrebbero, ciò che li emoziona.

Ecco perché continuare a battere la strada degli eReader: per noi. Ma veniamo ai particolari del Kobo Aura H2O:

  • schermo E Ink Carta HD da 6,8" con touch a infrarossi e 265 dpi = schermo grande, ottima risoluzione
  • peso di 233g = molto leggero
  • ROM da 4GB con slot micro SD in supporto ad ulteriori 32GB = tanto spazio da non saper davvero cosa farne
  • comfort light integrata e con un micro-rivestimento per un'equa distribuzione della luce e della batteria
  • Wi Fi integrato, così da poter acquistare gli eBook direttamente da device
  • per ulteriori dettagli (come le caratteristiche del processore) vi rimandiamo alla scheda tecnica.

Il nuovo Kobo Aura H2O ha ottenuto la certificazione IP67, il che significa che può restare immerso ad un metro di profondità fino a 30 minuti. E problemi come gli schizzi sul bagnasciuga, la vasca da bagno, l'inavvertita brocca rovesciata addosso dalla zia, sono risolti. Ma una schermatura dall'acqua pari a quanto descritto significa anche maggiore invulnerabilità rispetto ad agenti corrosivi come la polvere, che non andrà ad intaccare i circuiti del device nemmeno a piangere in giapponese.

Il display (che è ovviamente ciò che ci interessa maggiormente), oltre ad avere la risoluzione più alta rispetto a tutti gli altri eReader sul mercato, è il più ampio sul mercato attuale: come un libro in copertina rigida, ma senza crampi alla mano per il peso. Una chicca: permette di scegliere tra 10 tipi di carattere e diverse grandezze, per mettere d'accordo tutti.

A quanto pare, i lettori Kobo non ritengano esistere più scuse per leggere di più. Sempre Michael Tamblyn:

When we asked our customers what held them back from reading more eBooks, many told us they love to read in the bath, by the pool, or on the beach, but believed that devices and water didn’t mix.

Quando abbiamo chiesto ai nostri clienti cosa li trattenesse dal leggere più eBook, in molti ci hanno detto che a loro piacerebbe molto leggere nella vasca da bagno, accanto alla piscina, o in spiaggia, e non reputavano di poter leggere il device vicino all'acqua.

Restiamo in attesa di provarlo: se vi capita tra le mani, fateci un fischio!

Sara Cocco

Il mio pallino per l'editoria digitale si è rotto come un uovo, ed è finalmente nata Regina Zabo edizioni, ora faccio il direttore.

Nessun commento, per ora

I commenti sono chiusi.