Random House e Pinterest: la partnership

Il 14 novembre, con questo comunicato stampa, Random House LLC US, divisione di Penguin Random House, ha annunciato una partnership con Pinterest. L'accordo prevede l'utilizzo, da parte di Random House, del primo set di API (application programming interface) messe a disposizione da Pinterest per aiutare gli utenti ad identificare i contenuti più popolari.

Forse in tanti se lo erano domandati: qual è effettivamente il modello di business di Pinterest e quale potrebbe essere un suo utilizzo commerciale che aiuti i fondatori a ricavarci qualcosa? Ebbene, ecco la risposta, con l'annunciato lancio della prima API per sviluppatori. Essa permette ai siti di terze parti di includere pins da Pinterest, e rende più semplice postare contenuti sul social network stesso. I primi partners sono grandi marchi e rivenditori, tra essi spiccano Walmart, Nestlé, Disney e, appunto, Random House. Il loro scopo, nell'adozione di questa soluzione, è doppio: da una parte c'è la possibilità di aprire un nuovo canale pubblicitario, stimolando il passaparola sull'ormai diffusissimo social network delle immagini, dall'altra, c'è l'opportunità di migliorare i propri sforzi di marketing avendo a disposizione dati che indicano in modo chiaro le preferenze degli utenti. 

Le API che verranno fornite ai partners saranno sempre di più col tempo. Infatti, di volta in volta verranno introdotte estensioni con finalità diverse, per permettere, ad esempio, di mettere in rilievo i Top Pins, fare ricerche sul dominio con suggerimenti a quelle effettuate più spesso, consigliare contenuti sulla base di quelli verso i quali gli utenti hanno già espresso una preferenza. Ecco quello che succederà sul sito di Random House, dunque. 

Cercate un buon libro da leggere, mentre vi godete il calduccio del camino quest'inverno? Andate su Randomhouse.com per vedere i libri preferiti dai Pinners.

Parola di Jason Costa, Head of Developer Relations di Pinterest, che si è espresso così sul blog ufficiale. L'integrazione delle API di Pinterest al sito di Random House fornirà un'esperienza di navigazione più ricca, sia per gli iscritti a Pinterest che per i non iscritti. I visitatori di Randomhouse.com potranno osservare le relative attività di Pinterest e salvare direttamente i loro item preferiti su una Pinterest board. Per ora, il sito sarà potenziato con una bacheca di Pinterest Favorites, ovvero i pin più popolari risalenti a periodi diversi, e link attivi a Pinterest che garantiscono l'accesso a boards dedicate. Per ora solo Randomhouse.com è stato esteso con le API di Pinterest, ma presto la modifica sarà allargata a tutti i siti della famiglia Penguin Random House.

Random House, attraverso Christine McNamara, VP & Director of Partnerships, ha dichiarato:

Siamo entusiasti della partnership con Pinterest e della possibilità di dare rilevanza sul nostro sito a ciò che diventa trend grazie alla community formata dalle decine di milioni di utenti Pinterest, molti dei quali sono avidi lettori ed amanti dei libri. Le costanti innovazioni di Pinterest, che favoriscono la scoperta e la creazione di una comunità online, lo rendono un importante e desiderabile partner per i nostri autori, e noi non vediamo l'ora di continuare a lavorare insieme in vista di miglioramenti futuri. 

Vi lascio curiosare sulla pagina Discover your next book – Powered by Pinterest per farvi un'idea di ciò di cui abbiamo parlato. Inutile dire che saranno gli sviluppi futuri a determinare il successo di questa operazione.

Elena Chiara Mitrani

Colleziono macchine da scrivere. Amo Parigi, i libri e il calcio. Scrivo di libri, viaggi ed esseri umani.

Nessun commento, per ora

I commenti sono chiusi.