Il mestiere di scrivere digitale

La settimana scorsa abbiamo visto come la lettura di un ebook possa essere diversa rispetto a quella in un libro cartaceo. Ma che dire della scrittura? Il mestiere di scrivere cambierà in funzione degli ebook così come lo ha fatto per il web? Qualche segnale suggerisce di sì.

Infatti, proprio come per i siti internet si selezionano le parole in funzione dei motori di ricerca, ora anche gli scrittori iniziano a scegliere titoli e sommari pensando agli algoritmi di Google. Ma più interessanti ancora sono i nuovi trucchi del mestiere adattati alla distribuzione digitale. Se per il libro cartaceo si cerca di attrarre il lettore con l'incipit, la quarta di copertina (o la pagina 99), per l'ebook si ragiona in percentuali. 

Sembra infatti che alcuni autori americani (specialmente gli emergenti) stiano iniziando a mettere il colpo di scena principale del libro proprio al termine dell'anteprima gratuita disponibile online. E se vuoi sapere che ne sarà della storia, non ti resta che procedere all'acquisto. Un trucchetto semplice che potrebbe persino funzionare (posto che valga davvero la pena sapere come fa a finire). 

Ma, trucchi a parte, uno scrittore che voglia pubblicare in ebook ha molto altro a cui pensare. Il feedback diretto dei lettori, ad esempio. O la loro facilità di distrazione. Se è vero che leggendo da un device connesso ad internet abbiamo più possibilità di distrarci, è anche vero che c'è una soluzione anche a questo. Ad esempio un testo che si scompone in maniera irreparabile se lo abbandoni. Ci ha provato una casa edtrice inglese che ha ripubblicato in ebook "Composition n. 1" di Marc Saporta.

Il libro racconta una storia ambientata a Parigi ed è composto da racconti di una pagina ciascuna che possono essere letti in qualsiasi ordine. Nell'edizione digitale la storia scorre come un continuum sullo schermo e il singolo racconto può essere letto soltanto fermandolo con le mani. Se lo si abbondona per fare altro, la storia continua a scorrere. E addio racconto. 

 

Margherita Caramatti

Conosciuta anche come Maggie. E' nata con la passione per i libri e cresciuta con quella della tecnologia e del uéb, oggi cerca di unire le due cose e farne una professione.

2 Commenti