Rat-Man in PVC, Dylan Dog vs l’abbandono degli animali e il Festivaletteratura 2015

♦ L'indagatore dell'incubo vi osserva! Come ogni estate anche in questo afoso 2015 si ripresenta, purtroppo, il problema dell'abbandono degli animali su strade e autostrade da parte dei loro padroni e anche quest'anno Dylan Dog è in prima fila per combattere questa pratica vergognosa. Sul sito di Sergio Boneli Editore è stata pubblicata una gallery di disegni che i vari autori dylaniati hanno firmato nel corso degli anni a sostegno della campagna contro l'abbandono degli animali.
  

Enjoy!

Dylan Dog

♦ I mille volti di Rat-Man: Rat-Man è una serie a fumetti scritta e disegnata da Leo Ortolani e pubblicata da Paninicomics. Il personaggio creato da Ortolani è riuscito, nel corso degli anni, a creare un seguito numerosissimo di lettori, grazie alla capacità del suo autore di coniugare l'amore per i classici del fumetto made in USA con una trama profondissima, una scrittura brillante e battute geniali a raffica, di quelle che vi fanno piangere dal ridere. Nel tempo, Leo si è divertito a omaggiare diverse saghe cinematografiche, da Terminator a Star Wars, passando per Avatar, Il Signore degli Anelli e The Walking Dead, prestando il volto dei suoi imbranatissimi personaggi ad alcune delle icone cinematografiche che hanno segnato più di una generazione. Perché vi raccontiamo tutto questo? Perché la nuova iniziativa targata Paninicomics, in collaborazione con Infinite Statue/Cosmic Group, riguarda proprio Rat-Man: a partire dal mese di novembre, arriveranno in tutte le edicole e fumetterie le statue in PVC di Rat-Man nelle sue svariate incarnazioni, da quella classica all'implacabile protagonista di The Walking Dead Rat. Un'ottima occasione per cominciare a leggere le avventure di Rat-Man e allo stesso tempo iniziare una collezione di action figure di prestigio degna di ogni nerd che si rispetti!

Dylan di Nicola Mari♦ Non solo libri! La casa editrice milanese BAO Publishing, ha annunciato che nella prossima edizione di Festivaletteratura, fiera dedicata alla letteratura a 360°, saranno ospiti ben tre dei loro autori: Zerocalcare, Vanna Vinci e Alessio Spataro. La fiera si terrà a Mantova dal 9 al 13 settembre, cliccando qui potrete trovare tutte le info e scaricare il ricchissimo programma di questa edizione.

Dylan Il Pianeta dei Morti

♦ The Walking Dylan: Torniamo a parlare di Dylan Dog, per la precisione del ritorno nelle edicole, dal 18 settembre, della saga de Il pianeta dei morti, scritta da Alessandro Bilotta. Quello immaginato da Bilotta è un universo distopico, parallelo a quello classico del mensile, in cui Dylan, ormai invecchiato e disilluso, si muove con disincanto in una Londra infestata da zombie "addomesticati". La prima parte della serie è uscita in diversi albi e successivamente raccolta in unico volume edito da BAO Publishing. Sul sito di Sergio Bonelli potete ammirare una gallery che vi mostra la nascita della cover dello Speciale Dylan Dog nr. 29, ad opera di Massimo Carnevale.

Dylan di Luigi Picatto♦ Collezione autunno/inverno 2015: No, non stiamo parlando di moda ma delle novità editoriali di Saldapress, la casa editrice che in Italia pubblica The Walking Dead, il fumetto da cui è stata tratta l'omonima e famosissima serie tv. Su Fumettologica è uscito un articolo che racchiude tutte le prossime novità e uscite della casa editrice. Insomma, se volete iniziare a leggere quello che potrebbe essere il prossimo best seller, vi conviene dare un'occhiata al link (per esempio, Outcast è un fumetto scritto dall'autore di The Walking Dead, Robert Kirkman, e ha già in cantiere una serie tv per il piccolo schermo. Come si suol dire: a buon intenditor, poche parole…).

Dylan di Fabio Celoni♦ Tex in technicolor: Speroni, strade polverose e temperature infernali. Sono le previsioni del meteo per la prossima settimana? Nope! Stiamo parlando del fumetto tra i più venduti in Italia, Tex. Tra pochissimi giorni, per la precisione il 6 agosto, uscirà in tutte le edicole lo speciale Color Tex, che conterrà una storia a colori lunga 160 pagine, disegnata da Pasquale Del Vecchio e scritta da Roberto Recchioni. Se volete cimentarvi con un classico del fumetto italiano, questa è un'occasione da non perdere. Spogliatevi dei pregiudizi che potrebbero far capolino nella vostra mente e godetevi una lettura estiva – di qualità! – in salsa western. Per l'occasione vi proponiamo un'intervista all'autore romano, dedicata proprio al Color Tex

Dyland di Giampiero Casertano Pigiama state of mind: Quanto può essere eccitante la vita di un autore di fumetti? Ve lo racconta Paco Roca nel suo volume Avventure di un uomo in pigiama, edito da Tunué. L'artista spagnolo, autore del dolcissimo graphic novel Rughe, offre un divertente e acuto spaccato della sua vita, tra momenti irresistibili e lucide riflessioni sul mondo in cui viviamo. Se vi abbiamo incuriosito, sullo store Tunuè potete approfittare di uno sconto del 15%, inserendo il codice: fumettialsole.

Dylan di Marco Nizzoli♦ Continuity, croce e delizia: La continuity è uno degli aspetti chiave di un certo tipo di fumetto, tendenzialmente quello americano di Marvel e DC Comics. Si tratta di uno strumento che viene utilizzato dagli autori per dare, appunto, continuità alla trama, episodio dopo episodio. Per farvi capire: se andate in edicola e acquistate, completamente digiuni di cultura fumettistica, l'ultimo numero di una testata di supereroi qualsiasi, è piuttosto probabile che vi sentiate smarriti e che non capiate molto di quanto state leggendo, proprio perché non siete a conoscenza di tutti gli eventi accaduti nei numeri precedenti e fortemente legati tra loro. Per fumetti come Dylan Dog o Tex, con una continuity molto blanda, tutto questo non vale: se comprate l'ultimo numero di Dylan, godrete della lettura più o meno quanto un lettore di vecchia data. Detto questo, il sito Comicus riporta alcune dichiarazioni che Roberto Recchioni, curatore e autore di Dylan Dog, ha fatto a proposito della continuity dell'inquilino di Craven Road (uno dei tanti nomi con cui è chiamato Dylan) e che vi riportiamo qui di seguito: 

Da "Il cuore degli uomini" Dylan ha avuto poche storie e tutte molto estemporanee. La continuity è sempre stato detto che sarebbe stata blanda alla maniera di Dr. House, e non di Lost. (…) p.s. detto questo, visto che sono matto, ho messo in cantiere 12 albi tutti in continuity, scritti da un numero limitatissimo di sceneggiatori. (…) Sarà un anno interessante quello in cui li metterò in programmazione.

 

Nessun commento, per ora

I commenti sono chiusi.