Le forme della letteratura

Attualità / Figment

Qui su Finzioni si è già parlato di Social Network dedicati al mondo dei libri: Anobii, Goodreads e, recentemente, Bookliners , il social, tutto italiano, dove scambiare note a margine, commenti e quant'altro coi propri amici.   

A pensarci bene, però, tutto ciò riguarda più che altro i lettori. E gli scrittori? Dove vanno gli scrittori a condividere le loro opere? Beh loro da oggi hanno Figment, un social network dedicato al mondo della scrittura. Ideato e realizzato da due giornalisti del New Yorker, Jacob Lewis e Dana Goodyear, Figment ha già riscosso un discreto successo negli States.
Qui in Italia se n'è parlato giusto qualche giorno fa a BookNext, dove Lewis ha presentato il suo progetto.  

In realtà, Figment nasce come community dedicata principalmente al mondo degli adolescenti. Come si diceva qualche giorno fa, infatti, sono loro quelli più pronti a plasmare la letteratura alle esigenze della tecnologia ma c'è da scommetere che questo confine sia destinato a cadere. La presenza sul network di diversi editori a caccia di nuovi talenti, infatti, potrebbe spingere aspiranti scrittori di tutte le età a cimentarsi nell'impresa. 

Certo gli esperimenti di scrittura 2.0 non sono una novità. Tra siti, blog, forum, non si contano i progetti che mirano a socializzare l'arte dello scrivere. Figment però, ha il vantaggio di essere davvero recente e di aver potuto sfruttare tutte le nuove dinamiche comunicative create dai social network. Ad esempio, si possono seguire i propri scrittori preferiti come su Twitter oppure fare una sorta di "like" ai romanzi più belli come su Facebook. 

Il maggior punto di forza del nuovo social, però, è probabilmente l'incoraggiamento alla sperimentazione. Gli scrittori sono infatti incoraggiati a cimentarsi in qualunque genere di letteratura: dal fantasy ai Cell Phones Novels, micro romanzi pensati per essere scritti e letti su telefonino. In questo senso network come Figment si candidano a diventare sempre di più fucine per nuovi talenti, nuovi generi e nuove modalità di pensare la letteratura.

Margherita Caramatti

Margherita Caramatti

Conosciuta anche come Maggie. E' nata con la passione per i libri e cresciuta con quella della tecnologia e del uéb, oggi cerca di unire le due cose e farne una professione.

Nessun commento, per ora

I commenti sono chiusi.