Less ambitious books. Non prendiamoci troppo sul serio.

Se in questi giorni avete un po' perso di vista i vostri account twitter, sappiate che vi state perdendo il nuovo gioco: #Lessambitiousbooks, ovvero un esecizio di stile per sminire la serietà di certi titoli. L'hashtag è una derivazione di #lessambitiousrocksongs col quale si giocava a ridimensionare i titoli di canzoni rock.

Anche se non particolarmente originale #Lessambitiousbooks, ha riscosso un grande successo tra gli utenti di twitter (complice, probabilmente, il periodo di festeggiamenti). E come sempre, quando parte la gara al tweet, i risultati sono piuttosto diversi. C'è chi ti regala delle perle, chi ti fa ridere, chi non ha capito nulla e gioca da solo in un angolo.  

Quel che resta è l'evidenza del sollievo di poter giocare con la letteratura, rimescolando le carte e ridendo anche di quello che di solito ci incute un certo timore reverenziale. Poi certo ci sarebbe da dire che Twitter è cambiato, che sono arrivati Gli Altri, che poi ci si stanca anche di giocare e tutto il resto, però intanto una scorsa a #lessambitiousbooks datela pure. Se non vi siete stancati di sorridere. 

 

Margherita Caramatti

Conosciuta anche come Maggie. E' nata con la passione per i libri e cresciuta con quella della tecnologia e del uéb, oggi cerca di unire le due cose e farne una professione.

2 Commenti