Premio nazionale di Poesia “G. Carducci”

Attualità & Approfondimento / Premio nazionale di Poesia “G. Carducci”

Qui a Finzioni abbiamo sempre sostenuto l’importanza del lettore nella valorizzazione e addirittura costituzione del testo letterario, soprattutto narrativo. Ecco, provate a immaginarvi quanto può essere importante tutto ciò nel testo poetico. Nonostante questo non ci siamo mai occupati approfonditamente di poesia, sia per manifesta ignoranza, sia perché ci sono altri che ne parlano in modo più competente e sicuramente molto poco noioso.

Già, la noia. Fare discorsi sulla poesia in modo poco noioso è difficile, e qui è dove sta l’inghippo e, contemporaneamente, la soluzione del problema. Per questo vi raccontiamo del Premio Nazionale di Poesia “G. Carducci” di Pietrasanta, città natale del grande premio Nobel di cui abbiamo già parlato da qualche parte. La cosa interessante di questo premio, giunto alla 55esima edizione, è appunto la volontà di dare una rinfrescata a tutta la baracca.

La nomina a nuovo presidente di giuria del poeta Alberto Bellocchio e l’abbassamento della soglia per partecipare a 40 anni vanno proprio in questa direzione: non si premiano sempre i soliti – che magari non sanno più che farsene – e si allarga felicemente l’interesse ai giovani, nuovi e appassionati, sia per chi scrive, che per chi legge, rinnovando un universo, quello poetico, che soprattutto in Italia ha una tradizione “abbastanza” rilevante da rispettare e, sempre rispettosamente, da superare.

Ah, e poi ci sono 4.000 euro per il vincitore e 1.000 per i finalsti. Tutte le informazioni le trovate qui, il limite di consegna dei lavori è il 30 aprile e la premiazione si svolgerà il 27 luglio, a Pietrasanta.

Jacopo Cirillo

Jacopo Cirillo

I libri non sono importanti

Nessun commento, per ora

I commenti sono chiusi.