Professor Munakata, metti un manga al museo

E poi dicono che i fumetti sono una forma d'arte spicciola e che definirli letteratura è una bestemmia. Andatelo a raccontare a quelli del British Museum, che accanto alla stele di Rosetta, ai resti del Partenone e agli affreschi di Leonardo e Michelangelo hanno scelto di proporre al pubblico un'opera appartenente al genere di cui sopra. Non l'ennesimo capolavoro dell'arte occidentale, ma una serie che arriva dritta dritta dal Sol Levante.

Vuoi mettere il brivido di leggersi un manga tra un'opera d'arte e l'altra? Magari un manga il cui eroe è un archeologo disposto a tutto pur di salvare le più importanti opere d'arte da orde di saccheggiatori?

Già, vi sa di una storia che avete già sentito. Professor Munakata – questo il titolo della graphic novel che verrà presentata ai visitatori del museo – altro non è infatti che la risposta giapponese al ben più noto Indiana Jones. L'opera realizzata apposta per il British Museum – scritta lo scorso anno e recentemente tradotta in inglese – è lo spin off di una serie di fumetti ben nota ai lettori giapponesi, nata dalla penna del fumettista Hoshino Yukinobu. Un mix tra fantascienza e thriller che vede il protagonista – il corpulento archeologo Munakata – interagire con fatti e personaggi veri e altri totalmente inventati.

La sua missione? Salvare il British Museum dalle minacce di un vandalo munito di bulldozer, disinnescare una bomba alla cattedrale di Saint Paul ed evitare il furto di svariate opere d'arte. Bazzecole, no?

Marta Traverso

Gossip blogger, bonsai all’ombra della Lanterna, vagabonda dei social media

Nessun commento, per ora

I commenti sono chiusi.