Si fa presto a dire #LaPrimaVolta

Parliamo di donare il sangue, e di un bel concorso che si è inventata l'AVIS per parlare della prima donazione. Perché sì fa presto a dire "è la prima volta". Ma non è così semplice.

Questo romanzo è il primo che ho scritto, quasi la prima cosa che ho scritto. Cosa ne posso dire, oggi? Dirò questo: il primo libro sarebbe meglio non averlo mai scritto.

Finché il primo libro non è scritto, si possiede quella libertà di cominciare che si può usare una sola volta nella vita, il primo libro già ti definisce mentre tu in realtà sei ancora lontano dall’esser definito; e questa definizione poi dovrai portartela dietro per la vita, cercando di darne conferma o approfondimento o correzione o smentita, ma mai più riuscendo a prescinderne.

Quando Italo Calvino scrive l'introduzione alla seconda edizione del "Sentiero dei nidi di ragno" si trova davanti a un testo che non riconosce. Come mai? Be', perché…

Le letture e l’esperienza di vita non sono due universi ma uno. Ogni esperienza di vita per essere interpretata chiama certe letture e si fonde con esse. Che i libri nascano sempre da altri libri è una verità solo apparentemente in contraddizione con l’altra: che i libri nascano dalla vita pratica e dai rapporti tra gli uomini.

(…)

Questa letteratura c’è dietro al Sentiero dei nidi di ragno. Ma in gioventù ogni libro nuovo che si legge è come un nuovo occhio che si apre e modifica la vista degli altri occhi o libri-occhi che si avevano prima…

Sì, ma cosa c'entra tutto questo con il concorso dell'Avis, e soprattutto, cos'è sto concorso? Andiamo con ordine. L'Avis chiede a tutti gli amici dotati di buona volontà di scrivere un testo, o di inviare una foto o un breve filmato a tema "la prima volta". Qui potete trovare tutte le indicazioni sul concorso. E dicono:

Per i contenuti più belli ci sarà la possibilità di entrare in un progetto editoriale curato da Pordenonelegge.

Insomma, io penso che se avete qualcosa da dire sulla vostra prima volta, anche e soprattutto se non è legata al mondo della donazione del sangue, sia il caso di farlo. Io lo farò. Ma leggendo il titolo dell'iniziativa ho subito ripensato alle parole di Calvino, ora provo a dirvi perché.

La prima volta di qualcosa, come dice Calvino, "ti definisce mentre tu non sei ancora definito" e penso non ci sia modo migliore per spiegare cosa vuol dire donare il sangue. Ho iniziato a donare il sangue alle superiori, perché il mio prof di ginnastica credeva fosse una bella esperienza. E da allora ho smesso e ho ripreso. Non sono un donatore modello, conosco gente che ogni 3 mesi puntale dona… tuttavia faccio la mia parte.

Se ripenso a come ero alle superiori, e tutto quello che ho fatto dopo, sono certamente cambiato. Ho pure un capello bianco, adesso. All'epoca non sapevo che sarei stato a Milano, Londra e Venezia per circa 8 anni, né sapevo che avrei scritto su Finzioni, o altrove. Però, parafrasando Calvino, donare il sangue ti definisce mentre non sei ancora definito. Sapevo che ogni tanto sarei stato chiamato a fare qualcosa per gli altri, e non è poco.

Le letture e l’esperienza di vita non sono due universi ma uno, scrive. Ed è veramente così: io sono quello che sono (e noi siamo quello che siamo) proprio in virtù di quello che ho letto e leggo quello che leggo in base anche in quello che faccio. Spero di non sembrare pleonastico, o lapalissiano, ma quando Calvino scrive "ogni libro nuovo che si legge è come un nuovo occhio che si apre e modifica la vista degli altri occhi o libri-occhi che si avevano prima" credo sia essere una piccola verità che tutti dovremmo tenere sempre in tasca.

Donare il sangue modifica noi stessi, la nostra vita e con quel gesto modifichiamo la direttamente quella degli altri. Donare il sangue è un occhio nuovo che si apre e che modifica la vista degli occhi degli altri. Davvero, è così semplice cambiare la vita per il meglio a qualcuno… perché non donare per #laprimavolta?

Andrea Sesta

Vi parlo del mio mondo perfetto: una biblioteca grande come una casa, una donna adorabile al mio fianco, del cibo delizioso e storie di pirati fino a morire. Mi piace leggere, e quando ho tempo faccio anche il resto.

Nessun commento, per ora

I commenti sono chiusi.