Te la do, ma solo se…

 Attualità & Approfondimento / Te la do, ma solo se…

… abolisci il nucleare! No, non è uno scherzo: è la proposta che la scrittrice tedesca Charlotte Roche ha rivolto al suo presidente della Repubblica, Christian Wulff. Più precisamente la Roche, un’appassionata ecologista, ha offerto di passare una notte d’amore con il presidente a cambio del suo veto alla legge che prolunga l’attività di diciassette centrali nucleari in Germania.

La giovane autrice è un bel peperino, e in patria se ne sono accorti già dalla pubblicazione del suo primo romanzo, dal titolo assai allusivo di Zone Umide, che ha suscitato polemica e scandalo, ma ha anche riscosso una enorme successo, arrivando addirittura in cima alla classifica mondiale di Amazon lo scorso marzo. Con quest’ultima proposta indecente, la Roche è tornata a far parlare di sé: dopo aver specificato di avere avuto l’autorizzazione dal marito e di essere tatuata (forse a Wulff piacciano le ragazze un po’ alternative?), si dice ora in attesa della risposta del presidente e soprattutto della di lui legittima consorte.

I giornali tedeschi naturalmente l’hanno etichettata come una boutade di cattivo gusto, se non immorale, e dalla piccola città di Passau è persino arrivata una denuncia per tentata corruzione! Autore, il prof. Till Zimmerman, titolare della cattedra di diritto e procedura penale della locale università, forse alla ricerca di un po’ di notorietà. Fatto sta – lasciatecelo dire – che in Germania quando si parla di sesso e politica lo si fa per una nobile causa, mentre in Italia… vabbè, ci siamo capiti!

eFFe

eFFe

eFFe sarebbe un antropologo, ma ha lavorato come lavapiatti, professore, pubblicitario, ghost-writer e sandwich-man. Di conseguenza non crede che un uomo possa essere definito dal lavoro che fa, ma solo da come lo fa.

Nessun commento, per ora

I commenti sono chiusi.