Leggere…nuvole

Un tempo si leggevano le nuvole; la gente passava il tempo a leggere il cielo.  Era un altro Tempo di Leggere.   Nasceva la metereologia, ovvero “leggere i segni  misteriosi  sospesi in aria”.  Le nuvole, le “parole” bianche sulle pagine azzurre. È un libro ancora affascinante il cielo.  Guardatelo un minuto. Visto? Mutevolissimo. Tempo di Leggere vi segnala che il 2012 finisce all’insegna dell’instabilità (ma guarda un po’ che sorpresa!). Sono andata a sfogliare il cielo per voi ed ecco un imprevedibile Tempo di Leggere tutto dedicato alle nuvole.

Nord:

Il tempo si fa instabile per l'arrivo di correnti da Nordovest, associate ad aria via via più fredda. Nel cielo vi sono nubi frastagliate, pronte a trasformarsi in minacciosi e imponenti cirri strati. Eccole passare sulle vostre teste; vi dicono cose? Ma cosa? Per scoprirlo è "Tempo di Leggere" Filosofia delle nuvole di Luca Mercalli. La prefazione l’ha scritta Fabio Fazio (esperto di Che tempo che fa). Le sue sono parole che mi sembrano adatte all’ultima settimana di un anno difficile e pieno di dubbi come il 2012. Mentre le leggete come un mantra lasciate che le nuvole scorrino via dal vostro cielo: “Tempi inquieti, difficili, drammatici. Ciascuno scruta il cielo cercando di decidere se sia il cielo a specchiarsi sulla terra o viceversa. Forse proprio questo spiega l’autentico, sorprendente interesse per la metereologia (…) Le nubi in tutte le loro straordinarie forme non fanno paura a chi le conosce; quelle più pericolose non nascono dal cielo.” (Filosofia delle nuvole, Luca Mercalli, Rizzoli 2008)

 

Centro:

Il tempo si presenterà più instabile al Centrosud per l'arrivo sull'Italia di fronti via via più freddi. Le nuvole si faranno frastagliate, spezzate, velocissime.  Rischieranno di rompersi in freddissime gocce di pioggia, sulle cime diventeranno fiocchi di neve.  Con un cielo così la luna piena di stasera vi sembrerà il volto indeciso di Ildegarda, la protagonista del libro di Mariapia Veladiano che non sa scegliere tra due amori. Il romanzo s’intitola “Il tempo è un dio breve”,ed eccone un assaggio pieno di  nuvole:  «La luna appariva ogni tanto da dietro una cortina spessa di nuvole scure, come se non sapesse che partito prendere di fronte a quei due amanti silenziosi come tra le navate di una chiesa.» (Il tempo è un dio breve, Mariapia Veladiano, Einaudi, 2012)

Sud:

Piogge e rovesci riguarderanno soprattutto le aree centro-meridionali dove l'entrata di aria più fredda subpolare consentirà anche episodi nevosi fino a quote medio-basse. Anche sulle città del Sud passeranno le nuvole nere, cariche di pioggia. Un cielo è però più scuro nelle pagine del libro di Carlo Vulpio. Il suo coraggioso libro La città delle nuvole si ferma ad esplorare il cielo di Taranto. Nella città batte il cuore  di un mostro, L'Ilva, il centro siderurgico che si innalza alle porte di Taranto, o meglio che "occupa" la città. È enorme, potente e pericoloso per la salute di chi vi abita intorno. Questa lettura è un viaggio nel territorio più inquinato d'Europa, attraverso la voce dei protagonisti parla il silenzio della città delle nuvole.” (La città delle nuvole, Carlo Vulpio, Edizioni Ambiente, 2009)

Giovanna Iorio

“Avere la libertà di parola non è abbastanza. Bisogna imparare a parlare liberamente.” C. Hitchens

Nessun commento, per ora

I commenti sono chiusi.